La Pupa e il Cavallo, tra tradizione e gusto

| di Sara Gerardi
| Categoria: Enogastronomia
STAMPA

La pupa e il cavallo,due dolci tipici della tradizione dolciaria abruzzese. Scavando nella storia troviamo l'origine di queste specialità al 1800, alle feste Pasquali e allo scambio di regali fra fidanzati e promessi sposi.

Le origini di questa usanza si ricercano in due fattori.Il primo,secondo la tradizione pagana il dolce, veniva fatto ai tempi del fidanzamento, quando la coppia era solita presentarsi pubblicamente alle rispettive famiglie.
Lo scambio dei dolci, avveniva in una cerimonia elegante durante la quale le rispettive famiglie, in segno di consenso all’unione dei due futuri sposi, si scambiavano rispettivamente i dolci a simbolo della futura unione: il cavallo alla famiglia della fidanzata e la pupa per quella del fidanzato.C'è poi il secondo, vale a dire la tradizione cristiana della Pasqua e della Resurrezione: una tradizione legata all’ultima cena quando Cristo spezzò il pane e lo distribuì agli apostoli. La rottura del dolce in questo caso simboleggia lo stesso gesto di amore e di solidarietà di Cristo verso i suoi "figli".

Questi dolci,venivano preparati dalle nonne la sera del giovedì Santo e donati ai più piccoli nel giorno di Pasqua, il tutto consisteva nella creazione di una pasta frolla dalle forme diverse :per le bambine una pupa e per i bambini un cavallo, entrambi avevano sulla pancia, racchiuso da due strisce di pasta a forma di croce, un uovo che simboleggia la rinascita e  e la durata della vita e dell'unione Sia la pupa che il cavallo venivano ricoperti di confettini colorati , per gli occhi due chicchi di pepe nero e chiodi di garofano, per la bocca uno o due chicchi di caffè.

 


La signora Anna di Fresco, classe 1934  ci racconta come preparava i dolci per i suoi 4 nipoti, e la classica ricetta per preparare pupa e cavallo. "Ho 4 nipoti, due femmine e due maschi, tutti ormai grandi dai 22 ai 26 anni. Quando erano piccoli, usavo nel periodo pasquale, io e il mio defunto marito regalare ai bambini, oltre al consueto uovo di Pasqua anche una pupa per le femminucce e un cavallo per i maschietti, come avevo già fatto ai tempi per i miei figli, 4 femmine e 1 maschio"

"La ricetta non mi fu tramandata da mia madre, nè seguendo libri e ricette, ma ai tempi la imparai da sola, facendo pratica, provando, sbagliando e riprovando..non come i giovani di oggi, che si arrendono alle prime difficoltà. Occorrono uova,farina,latte,lievito per dolci, olio e zucchero, a proprio piacimento le decorazioni, anche se io usavo sempre le codette colorate per dolci"

"La preparazione è abbastanza facile, non occorrono particolari doti culinarie, l'importante è prestare attenzione a non far bruciare il dolce, il tempo di cottura via da forno a forno, per i forni ventilati 30 minuti è sufficente, per altri anche 40"

"Il primo ingrediente base però, è quello più importante, e non tutti lo posseggono o si può comprare nel supermercato: è l'amore. L'amore per chi si sta facendo il dolce che siano figli, nipoti,amici, parenti, mogli/mariti, se non si ha l'amore per le persone il dolce può anche riuscire bene ma la persona a cui lo si dona non ne comprenderà il significato, o il gesto."

"Ancora oggi alla mia età continuo a fare dolci, sempre per altre persone, mai per me stessa. La felicità e il sorriso che accompagna la persona nel momento in cui assaggia o gusta il dolce ripaga di tutto, anche dell'eventuale tempo o fatica impiegata"

 


Preparazione e Ingredienti

Ingredienti

500 g di farina, 3 uova, 1/2 bicchiere di latte, 1 lievito per dolci,1/2 bicchiere d'olio,200 g di zucchero

Preparazione

Posizionare la farina a fontana al centro della spianatoia, aggiungere 3 uova, poi 200g di zucchero e mescolare, poi aggiungere 1/2 bicchiere di Latte,  mescolare di nuovo e aggiungere poi subito 1/2 bicchiere di latte, rimescolare nuovamente e  infine aggiunger eil lievito per dolci setacciato e impastare il tutto fino a formare un composto tondo.

Ungere gli stampi dei dolci con l'olio e stendere l'impasto all'interno, aggiungendo una volta riempito tutta la superfice dello stampiano le codette colorate. Successivamente infornare  nel forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti. A cottura termina estrarre i dolci dal forno e lasciare raffreddare.

 

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK