Gianbattista Bucci da Pescosansonesco in Germania dove morì in miniera nel 1902

| di Geremia Mancini
| Categoria: Personaggi
STAMPA

Gianbattista BUCCI nacque a Pescosansonesco in via della Ripuccia, il 2 dicembre del 1878, da Agostino (ventiduenne “contadino” figlio di Emidio e Sabina Buccilli) e Maria Domenica Palmerini (ventitreenne “contadina” figlia di Nicola e Caterina Radocchia).

I genitori di Gianbattista si erano sposati l’11 dicembre del 1877. Le condizioni di vita a Pescosansonesco non erano, per la famiglia Bucci, delle migliori. Così Giambattista decise all’inizio del secolo di emigrare.

Non lo fece per l’America, come quasi tutti i suoi amici, ma per la Germania con destinazione le miniere della Oelsnitz (il “montanaro” Zwickau Karl Gottlob Wolf trovò un giacimento di carbone minerario a nove metri di profondità a Neuoelsnitz, il 7 gennaio 1844, e fu il primo a estrarre il carbone da quello che poi divenne l’importante bacino minerario della regione di Lugau-Oelsnitz.

Da quel momento in poi, i "diamanti neri" (così vennero definiti) favorirono la nascita di pozzi e compagnie minerarie. Nel 1900 circa una trentina di miniere erano esistenti in quel territorio). Il 15 luglio del 1902 la tragedia. Giambattista Bucci venne travolto e schiacciato da una parete staccatasi dalla miniere. Trasportato in un Ospedale vi morì subito dopo. Sulla sua bara, portata a spalle dai minatori, c’era la bandiera italiana.

Oggi a Lugau-Oelsnitz dove morì Gianbattista (con lui, negli anni, tanti altri minatori) sorge in Sassonia il “Berbaumuseum di Oelsnitz” (Museo Minerario) meta, ogni anno, di migliaia di visitatori.

Geremia Mancini

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK