Pescara: Aca Spa, rubinetti chiusi per i morosi

| di Moreno Russi - Antimo Nick Di Meola
| Categoria: Associazioni
STAMPA

L’Aca spa, in questo periodo, sta effettuando delle limitazioni per morosità degli utenti che non sono in regola con i pagamenti delle fatture.

I Segreteri Regionale e Provinciale di Pescara del Partito Alba Dorata Europa , però, protestano: «la limitazione in realtà si traduce in una vera e propria chiusura del contatore in quanto i rubinetti sono lasciati letteralmente a secco nel pieno della stagione estiva.

Tutto ciò accade in un momento in cui la crisi economica si accanisce in particolar modo sulle fasce più deboli ed indifese.

Ed è anche su quest’ultime che l’Aca tenta di fare cassa negando un bene vitale, come l’acqua, per pochi euro».

L’iniziativa è partita lo scorso aprile: si tratta di «procedure speciali» e una task force di dipendenti che hanno proceduto negli ultimi tre mesi ad effettuare 1.500 interventi per montare limitatori di consumo o chiudere contatori degli utenti morosi.

«Le scelte scellerate di una tale gestione di un bene essenziale come l’acqua», denuncia ancora il segretario regionale Moreno Russi.

Il segretario provinciale  Antimo Nick di Meola a commentato sulle modalità adottate dall’ACA Spa: “Sul piano giuridico, i contratti di somministrazione di servizi essenziali sono volti a soddisfare bisogni primari aventi fondamento costituzionale nella tutela di diritti inviolabili di cui all’art. 2 della Costituzione, tra questi il diritto alla somministrazione dell’acqua potabile.

Pertanto non può ritenersi legittima la risoluzione unilaterale del contratto, e, dunque, la sospensione dell’erogazione dell’acqua”. “La stessa giurisprudenza ( Tribunale di Enna Sent. 2009 ) dichiara ancora Di Meola, che si è già pronunciata in merito ne dà avvallo chiaramente sancisce il principio per cui la morosità dell’utente non è ragione che possa giustificare la sospensione della fornitura di un bene primario come l’acqua. In altre parole, la sospensione della fornitura del servizio non può ritenersi rimedio proporzionato al mancato pagamento di qualche fattura recapitata all’utente”.

Alba Dorata Europa in collaborazione dell’associazione “ La Fenice “ a partire dal 02 09 2013 presso la sede di Via G. Verdi, N° 4, con l’ausilio dei propri Legali predisporrà un esposto da inviare alle rispettive Procure presso i Tribunali di Pescara e Provincia, ritenendo che la condotta tenuta dalla suddetta Società fosse viziata da illegittimità.

Invitiamo i cittadini a contattarci al fine di tutelare un Bene Essenziale di nome ACQUA


Le cose che nessuno mai vi dirà

Ci sono cose che nessuno mai vi dirà, non tanto per pudore, ma per convenienza.

Pertanto, se un giorno vedeste nella buca delle lettere una strana bolletta a quattro cifre, di qualche migliaia di euro, allora sareste certi che nessuno vi dirà come mai questo sia potuto succedere.

Ma cosa sta succedendo in questi anni?

Sta succedendo che le istituzioni sono diventate sorde ai bisogni del cittadino e molto sensibili al richiamo delle cricche.

Infatti, solo così si possono spiegare le inusitate commistioni di interessi e le assidue frequentazioni tra controllati e controllori, tra guardie e ladri, tra sceriffi e indiani.

In mezzo a queste cricche del malaffare ci sta il cittadino, di cui nessuno ormai più si cura, se non nel momento del voto, per quella fatidica x sulla scheda nella casella giusta e sul nome giusto.

Il cittadino, tuttavia, è sempre al centro dell’attenzione di tante imprese che erogano servizi pubblici.

Guai se il cittadino non paga una bolletta dell’acqua! In questo caso arrivano minacciose lettere contenenti queste precise parole:

...Le facciamo altresì presente che in caso di mancato riscontro entro 45 giorni dal ricevimento della presente, dovremo procedere, nostro malgrado, alla sospensione del servizio di erogazione dell’acqua potabile ai sensi del D.P.C.M. 29-04-99 e della Carta dei Servizi ed intraprendere le debite azioni per il recupero del credito.

Ma cosa dice il D.P.C.M. 29-04-99?

Questo decreto individua lo schema generale di riferimento per la predisposizione della carta del servizio idrico integrato che potrebbe essere impugnato “politicamente”o in modo giudiziario  peccato che nessuno se ne faccia carico  almeno nella parte che prevede la possibilità di sospendere il servizio idrico per morosità.

Morosità

In caso di morosità è prevista la sospensione del servizio.
I gestori indicano i mezzi con i quali è preavvisato l’utente di tale sospensione e le modalità per evitare la sospensione stessa. Tale preavviso non potrà comunque essere inferiore a 20 giorni e dovrà essere accompagnato dal duplicato della fattura non pagata.
I gestori comunicano le modalità ed i tempi per il ripristino della fornitura, che dovrà avvenire entro due giorni lavorativi dal pagamento ovvero a seguito di intervento dell’Autorità competente.In quest’ultimo caso, è facoltà del gestore porre in atto mezzi di limitazione della portata e della pressione di fornitura, comunicati in forma scritta all’utente.
I gestori individuano procedure specifiche per i casi di erronea azione per morosità.
In nessun caso è addebitabile all’utente subentrante la morosità pregressa.

Ci sembra che tale paragrafo del D.P.C.M. non avrebbe vita semplice davanti alla Corte Costituzionale, in quanto il distacco dell'acqua non può in nessun modo aver luogo, essendo l'acqua un bene primario oltre che un diritto costituzionalmente garantito.

Si pensi, ad esempio, al diritto alla salute (art. 32 della Carta Costituzionale).

Si deve aggiungere anche che il distacco non può avvenire totalmente; semmai la società potrà diminuire la portata, garantendo comunque il bisogno quotidiano.

Noi combattiamo le nostre “piccole battaglie” quotidiane per la tutela dei diritti del cittadino, che da ultimo, si vede arrivare a casa bollette a quattro cifre.

Moreno Russi - Antimo Nick Di Meola

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK