Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Borsa di studio Ermando Parete

Sottoscrizione dell’intesa

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

20 novembre 2018, presso la Sala Edolo Masci della Provincia di Pescara, si è proceduto alla sottoscrizione di un’intesa per strutturare, in via permanente e con cadenza annuale, il Premio Parete.

Questo premio è stato istituito dall’omonima associazione costituita in ricordo di Ermando Parrete vicebrigadiere della Guardia di Finanza, sopravvissuto al campo di sterminio di Dachau.

Presenti all’incontro il figlio di Ermando, Donato Parete, Presidente del Premio Parete, il Presidente della Provincia di Pescara Antonio Zaffiri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Pescara Colonnello Vincenzo Grisorio, il Sindaco di Abbateggio Antonio Di Marco.

Il Premio è stato istituito in accordo con l’Università Bocconi e premierà, annualmente nel mese di maggio, una studentessa o studente abruzzese che seguiranno un percorso di studi presso la prestigiosa università italiana.

Già nel 2017, la studentessa abruzzese, Chiara D’Ignazio, è stata premiata con una borsa di studio che le agevolerà il percorso intrapreso.

Donato Parete ha parlato del padre e di quanto abbia sofferto nel campo di sterminio fino a quando, scampato alla morte, ritornò a piedi da quel luogo, fino a casa, in una situazione drammatica così come molti italiani che erano sopravvissuti a tale massacro.

Ermando Parete è morto a 93 anni, dopo aver trascorso circa 70 anni testimoniando nelle scuole e presso i giovani l’orrore di quanto accaduto durante la seconda guerra mondiale nei campi di concentramento tedeschi.

Fu imprigionato dai nazisti mentre era sottufficiale della Guardia di Finanza ed in suo onore la caserma della Guardia di Finanza di Pescara porta il suo nome.

In suo ricordo, nel Comune di Abbateggio suo paese natale, è stata inaugurata, nel 2016, una lapide affinché la sua memoria non possa mai scomparire e con essa il ricordo della tragedia vissuta da lui e da tanti italiani.

A parlare di Ermando il figlio Donato che ha presentato il premio annuale, da conferire come borsa di studio alla studentessa o studente abruzzese, che frequentano l’Università degli Studi Bocconi di Milano.

Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Pescara Colonnello Vincenzo Grisorio, ha ribadito l’importanza del premio che ricorderà sempre le ingiustizie e gli orrori subiti da persone contro persone e che mai più dovranno accadere. La caserma della Guardia di finanza, ha detto il Comandante, sarà sempre aperta ad accogliere studenti e scuole che vorranno utilizzarla come luogo di incontro e di studi.

Il Presidente della Provincia di Pescara Antonio Zaffiri ha, anche lui, parlato dell’importanza di premiare gli studi di un giovane abruzzese che affronterà studi importanti e che daranno lustro a tutto il territorio.

Antonio Di Marco, quale Sindaco del Comune di Abbateggio, città natale di Ermando Parete, ha sottoscritto insieme ai presenti l’importante accordo che vede i presenti uniti per un fine specifico a favore dei giovani studenti abruzzesi e per non dimenticare mai quanto successo nei capi di concentramento e di quanto la cattiveria umana possa accanirsi contro sé stessa.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK