Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Pescara capofila del progetto Adriatic +, cooperazione adriatica per il mare e il territorio

| di Ufficio Stampa comune di Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Illustrato oggi in Sala Giunta il progetto ADRIATIC+: Sharing Marine and Coastal cross management experiences in the Adriatic basin, di cui il Comune di Pescara è capofila nell' ambito del processo di capitalizzazione del Programma di cooperazione transnazionale IPA ADRIATIC 2007/20013. Alla conferenza erano presenti il sindaco Marco Alessandrini, l'assessore alla Tutela del Mondo Animale Sandra Santavenere e la dirigente della Cooperazione Territoriale della Regione ed Autorità di gestione del Porgramma IPA Paola Di Salvatore.

 

"Sono contento di questo nuovo e rilevante risultato – sottolinea il sindaco Marco Alessandrini - e penso a come l'Europa resti una grande opportunità che le città europee devono imparare a sfruttare e a cui dobbiamo relazionarci nella programmazione amministrativa. Una linea di indirizzo che le pubbliche amministrazioni devono tendere è questa, cercare risorse fuori dai propri bilanci per incontrare finalità alte e rivolte a tutto il territorio: siamo contenti per il risultato che ci attribuisce una visibilità internazionale e che rappresenta il miglior stimolo per proseguire su questa strada".

 

"Le attività del progetto Adriatic + metteranno in rilievo la sensibilità della nostra Città sui temi dello sviluppo sostenibile e sarà occasione di confronto con altri Paesi dell'Adriatico quali Croazia, Slovenia e Montenegro – dice l'assessore alla Tutela del Mondo Animale Sandra Santavenere - L'Autorità di gestione del Programma IPA si sta spendendo molto per la tutela della biodiversità marina. Il Comune ha risposto ad una call del febbraio 2016 del Programma IPA Adriatic che è andata a buon fine, siamo capofila,grazie anche all'esperienza già capitalizzata del precedente progetto Netcet di cui siamo stati partner. Grazie ad Adriatic + ci viene riconosciuto il ruolo di capofila di un progetto che tutela il territorio ed il mare come valore aggiunto e risorsa importante. Lavoreremo con Croazia, Slovenia e Montenegro con cui creeremo una rete che fornirà dati per prevenire inquinamento e azioni a tutela della biodiversità marina. Coinvolgeremo tutti i soggetti che hanno con il mare rapporti quotidiani e di prossimità e appartenenza: verranno organizzati eventi, convegni, confronti per costruire insieme un'idea vincente capace di diventare un obiettivo forte e duraturo nel tempo".

 

"Il programma IPA Adriatic ha lanciato un bando l'11 febbraio 2016, il primo per i progetti che coniugavano il programma con la strategia Adriatico Ionica – illustra l'avvocato Paola Di Salvatore, Autorità di Gestione del Programma IPA – Si tratta del primo bando condiviso con il governo e che realmente attua il piano di azione tecnico della strategia Adriatica. Come confermato al lancio di Bruxelles e poi ribadito agli Open days di Dubrovnick, Adriatic + ha coniugato e clusterizzato i risultati positivi dei precedenti progetti ed ha creato un nuovo progetto ampliando il partenariato e creando degli input scientifici che potranno  mettere insieme: la tutela del mare, i trasporti, il turismo, l'ecosistema e la biodiversità che sono pilastri dell'azione globale UE. Il bando interessa ben 8 stati (Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Serbia, Bosnia, Serbia, Italia), hanno risposto 34 progetti, ammonta a 8.841.576 euro la somma a disposizione, ottenuta da residui del 2015, dunque risorse che si rischiava di restituire all'Unione Europea perché residuali di progetti approvati e chiusi  per avanzo di spesa. L'Autorità di Gestione ha deciso di riutilizzarli e costruire un'altra occasione per lavorare in  rete, lanciando un nuovo bando anche se con tempi stretti perché le risorse devono essere impiegate entro il 31 dicembre 2016. Dunque è una grande sfida".

 

 

Scheda progettuale

 

Il progetto ADRIATIC+: Sharing Marine and Coastal cross management experiences in the Adriatic basin nasce nell' ambito del processo di capitalizzazione del Programma di cooperazione transnazionale IPA ADRIATIC 2007/20013..

 

Il Comune di Pescara forte dell'esperienza in qualità di partner del progetto NETCET "Network for the Conservation of Cetaceans and Sea Turtles in the Adriatic" finanziato nell'ambito della seconda call per i progetti ordinari del Programma IPA si è proposto come Capofila per il progetto Adriatic+ elaborando una nuova proposta progettuale che risultasse la prosecuzione naturale del progetto NETCET.

 

Gli obiettivi generali della proposta ADRIATIC+ sono:  condividere esperienze per migliorare lo stato di salute del mare; affrontare il tema della qualità ambientale rispetto agli ecosistemi marini, costieri e terrestri  attraverso la cooperazione su scala macroregionale, per assicurare il benessere economico e sociale per le comunità; la promozione della biodiversità quale elemento di valorizzazione territoriale per lo sviluppo di un turismo sostenibile.

 

L'obiettivo specifico del progetto è la realizzazione di uno studio di fattibilità finalizzato alla creazione di un Osservatorio Adriatico Ionico per il buono stato dell'ambiente marino utile a supportare l'adozione di misure per mitigare le minacce alla biodiversità marina e costiera  utilizzando i sistemi (banche dati e reti) realizzati dai progetti NETCET, SHAPE, HAZADR, BALMAS e  DeFishGear finanziati sempre dal programma IPA Adriatic 2007/2013.

 

Il progetto sarà sviluppato tenendo in considerazione il processo di disseminazione dei risultati dei progetti coinvolti attraverso la realizzazione di un complesso programma di iniziative da svolgersi sia a livello locale che a livello internazionale.

 

La partnership così costituita:

  1. Città di Pescara (IT) Capofila;
  2. Fondazione CETACEA (IT) partner;
  3. Blue World Institute of Marine Research and Conservation (HR) partner;
  4. Institute for Marine Biology of Montenegro (MON) partner;
  5. Regional development centre Koper (SI) partner;
  6. Regione Abruzzo (IT) partner;
  7. Regione Marche (IT) partner;
  8. IWRS Istituto per la gestione delle acque (SI) partner;
  9. IOF Istituto di oceanografia e della pesca (HR) partner.

I partner Associati sono:

  1. Regione Emilia Romagna
  2. Regione Veneto
  3. Città di Numana
  4. Croatian Agency for the Environment and Nature
  5. Città di Venezia
  6. University of Primorska 
  7. Università di Padova

 

Ufficio Stampa comune di Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK