Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

La LILT ha organizzato un evento formativo al Liceo Galilei e la messa per malati oncologici

| di LILT Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

“Il 42 per cento della popolazione italiana ed europea ancora oggi non fa prevenzione oncologica, non adotta uno stile di vita sano e non si sottopone agli screening periodici per verificare le proprie condizioni di salute. E questo dato, ufficiale, è troppo alto e fa emergere quanto sia importante parlare con la gente di cosa siano i tumori e di quanto sia fondamentale conoscere gli strumenti disponibili per scongiurare la sua insorgenza. Il 2018 sarà l’anno dei nuovi progetti per la Lilt – Lega Italiana lotta contro i Tumori – Sezione di Pescara, con la campagna per la prevenzione del tumore del cavo orale-testa-collo, e dei tumori urologici, prestando attenzione agli uomini, di solito i più reticenti a sottoporsi a visita. E soprattutto sarà l’anno di lavoro con gli studenti del Liceo Scientifico ‘Galilei’ di Pescara con il quale abbiamo stipulato una convenzione ad hoc per riprendere, da gennaio, l’evento ‘Sistema salute’ e coinvolgere i ragazzi nell’elaborazione di un lavoro di comunicazione scientifica”.

Lo ha annunciato il Presidente della Lilt Pescara, il professor Marco Lombardo, Coordinatore della Lilt Abruzzo, nel corso dell’Open day del liceo ‘Galilei’, denominato ‘Scienze by night’. Presenti all’incontro con gli studenti, oltre al professor Lombardo, i componenti del Direttivo Milena Grosoli, Carla D’Angelo, Annamaria Melis e Paolo Lucente, la psiconcologa della Lilt Maria Di Domenico, e i medici Marino Nardi, chirurgo senologo, e Linda De Angelis, dermatologa, entrambi dell’ospedale civile di Pescara, oltre al dirigente scolastico Carlo Cappello.

“Il progetto ‘Sistema Salute’ – ha ricordato il Presidente Lombardo agli studenti – compie 8 anni, passati dentro le scuole, prima gli Istituti superiori, ora anche le scuole di istruzione primaria, dunque elementari e medie di primo grado, per trasformare gli studenti in ‘operatori della prevenzione’, ovvero dando loro quelle informazioni utili per essere in grado, essi stessi, di raccontare agli amici, ai genitori, ai parenti, che oggi è possibile non ammalarsi di tumore e, se si viene colpiti, è possibile scoprirlo in maniera rapida ed è possibile guarire. Se ancora oggi le statistiche ci dicono però che il 42 per cento della popolazione italiana ed europea non fa prevenzione, è chiaro quanto sia importante lavorare sui più giovani, coinvolgendo quante più persone possibile ed elaborando insieme dei messaggi spot capaci di raggiungere la massa. La Lilt ha il compito di fornire le informazioni, gli strumenti, i ragazzi devono aiutarci a usare un linguaggio più immediato, capace di raggiungere i loro coetanei. E per rendere ufficiale il nostro lavoro, abbiamo stipulato con il Liceo scientifico ‘Galilei’ una convenzione ad hoc: il progetto partirà a gennaio, coinvolgendo anche le prime classi, si articolerà in 4 fasi, e si chiuderà a maggio con l’elaborazione di un prodotto comunicativo che i ragazzi esporranno a ottobre prossimo, nel corso della quarta edizione del Convegno ‘Sistema Prevenzione Oncologica’, in cui gli stessi studenti sono relatori. Intanto abbiamo già annunciato anche le attività che vedranno impegnata la Lilt nel corso del 2018, ovvero, oltre alle campagne di sensibilizzazione e di screening gratuiti tradizionali, come quello del melanoma e contro il tumore al seno, quest’anno effettueremo la campagna contro i tumori del cavo orale, quindi testa-collo, e lo screening per i tumori urologici, rivolti soprattutto agli uomini”. A illustrare il lavoro che gli studenti coinvolti su base volontaria andranno a svolgere con la Lilt sono stati i tre medici presenti, i quali parteciperanno agli incontri formativi con gli studenti nella prima fase progettuale. E intanto ieri è stata la Cattedrale San Cetteo a ospitare la tradizionale Santa Messa Pontificale dedicata al Malato Oncologico, officiata da Monsignor Tommaso Valentinetti, Arcivescovo della Diocesi di Pescara-Penne, dinanzi ai banchi strapieni e che hanno visto anche la presenza istituzionale del consigliere comunale Piernicola Teodoro, di Luciano Fattori, Presidente della Cooperativa Asso, e di Luciano Paesani, Coordinatore della Mensa di San Francesco. “La Lilt – ha sottolineato l’Arcivescovo Valentinetti – si sta caratterizzando per la fortissima attenzione prestata nei confronti dei più poveri che spesso non hanno mezzi, né strumenti, né risorse finanziarie e rinunciano a fare prevenzione. Quello della Lilt è dunque un impegno straordinario, sul quale c’è la benedizione di Dio”. Il saluto finale è stato affidato al Presidente Lombardo che ha invitato tutti i presenti “a partecipare alle campagne gratuite di screening oncologico svolte dalla Lilt nel corso dell’anno, perché tutelare la propria salute vuol dire tutelare il benessere della collettività”.

LILT Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK