Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Bando delle Periferie, le interpretazioni della Lega sono vergognose

| di Ufficio stampa Comune di Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

"Mai come in questi primi mesi di governo giallo-verde ci tocca di sentire vergognose interpretazioni della realtà e del lavoro svolto dal centrosinistra sia al governo che alla guida della città – così l'assessore alle Periferie Giacomo Cuzzi– Udite udite, la rivelazione leghista di oggi è che ci dovremmo dimettere a seguito del voto prodotto in Senato due giorni fa sull'emendamento al Mille proroghe proposto dal governo Lega e Cinque Stelle, perché abbiamo progettato la rinascita delle periferie su cui il centrodestra e alleati, in tutti questi anni, non sono stati capaci di concepire nemmeno una proposta.

Incredibile, ma vero. Noi invece siamo quelli che sono stati i primi a dare un'attenzione mai riservata e misure concrete mai erogate alle periferie della nostra città, perché abbiamo strutturato il nostro mandato sulla città "policentrica", quindi importante in centro e fuori dal centro, tant'è che tutti gli atti prodotti fino ad oggi vanno in tale direzione, anche a prescindere dal bando della Presidenza del Consiglio, che è arrivato solo due anni fa, quando il lavoro sulle periferie era già ampiamente partito.

L'impegno di questi anni è stato grandissimo, con progetti e attività promossi dal primo giorno di mandato. Fatti che riguardano tanti settori: dalla mobilità, con il rifacimento delle strade e piste ciclabili a Fontanelle, agli 8 milioni di benefici della Zona franca urbana, alle manutenzioni, ai lavori anti allagamento e sui sotto-servizi fatti a San Donato, Fontanelle, in corso in via Aterno, al sociale con un piano di interventi da 13 milioni di euro, a cui, per dirne altri,  si sommano il completamento della palestra di via Rubicone, ferma da anni, che inaugureremo a settembre (lavori per 1 milione e mezzo di euro), la scuola a Zanni per 350.000 euro, nonché  un programma di manutenzione straordinaria degli immobili Ater finanziato dalla Regione Abruzzo con oltre 5.200.000 euro fra Fontanelle, via Salara Vecchia, via Trigno e Gescal, mai avviato prima, malgrado tutte le passerelle che chi oggi è classe governativa ha fatto lì in questi anni senza produrre un solo fatto. Ci siamo spesi anche sul fronte della cultura e gli spettacoli, con il murale di Millo a Fontanelle, che ha reso celebre anche fuori dall'Italia l'attenzione di Pescara alla rinascita del quartiere, perché la firma di Giorgino è nota in tutto il mondo, nonché eventi e rassegne a Rancitelli, dove i parchi più infrequentabili e sensibili sono tornati fruibili. 

Noi siamo stati anche i primi a protestare non appena abbiamo saputo del rinvio, proposto dal governo vigente, per riuscire a far quadrare i conti delle promesse elettorali. Uno sconcerto vero, di fronte alla sospensione delle misure, manifestato con forza e con la disponibilità a mobilitarci insieme a tutti gli altri Comuni d'Italia per difendere i tempi concordati per il decollo della misura. La sbandierata sentenza della Corte costituzionale è ininfluente rispetto a questa progettualità ed è da sottolineare che il ricorso contro il bando delle periferie da cui essa è scaturita, è stato presentato proprio dalla Regione Veneto, governata dalla Lega, la stessa regione in cui molte città hanno beneficiato di questa misura e hanno già avviato i lavori, un ricorso su conflitti di competenze perché non era stato richiesto il parere alla conferenza dei presidenti delle Regioni sulla misura adottata dal Governo Renzi.

La lega locale pensasse alle cose serie non a imitare le pagliacciate di Salvini, sperando che non si capisca il danno che stanno facendo all'Italia in questi soli pochi mesi di governo, perché con le bugie e i proclami non si amministra il Paese, certo, lo si cambia, ma in peggio e si capisce già da quello che è successo al bando. Il centrodestra pescarese ha più anime, visto che da un lato i referenti di Fratelli d'Italia, con Testa, hanno solidarizzato con l'Amministrazione, dichiarando di volersi unire alla lotta per la tutela dei fondi, mentre da altre parti prevale la logica di voler fare campagna elettorale a danno della collettività e in questo caso delle periferie.

I progetti esistono, e sono esecutivi, siamo già pronti a far partire le gare, accade perché mentre gli altri facevano passerelle mediatiche, noi abbiamo lavorato dal primo giorno con grande sinergia e trasparenza anche con le associazioni che agiscono da sempre sul territorio, altro che clientele, portando in città una rivitalizzazione che prima di noi nessuno aveva mai nemmeno pensato. A noi la strumentalizzazione politica e quest'aria da perenne campagna elettorale che sta contagiando anche i neonati quadri locali della Lega davvero non interessano. Ci interessano i fatti che abbiamo prodotto con i progetti del Bando, che grazie alla collaborazione con il privato porta da 18 a 58 milioni il valore dell'intervento che ci batteremo perché non venga né sospeso, né perso e per questo dovrebbero impegnarsi anche quelli che dicono di avere a cuore la città".

Ufficio stampa Comune di Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK