Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Pescara, l'emergenza prima dell'area di risulta e del bilancio è l'illuminazione

| di Forza Italia Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

“Domani in Conferenza dei Capigruppo chiederò la convocazione di una seduta straordinaria urgente e aperta del Consiglio comunale sull’emergenza pubblica illuminazione a Pescara, che è la vera priorità della città, prim’ancora del bilancio e delle aree di risulta. La finisse il sindaco Alessandrini di prendere in giro i pescaresi, annunciando di voler ‘illuminare a giorno’ Pescara quando, da un anno e mezzo, mezza città è completamente al buio, dal centro alle periferie, e non ha neanche pensato che forse sia giunto il momento di rescindere il contratto con la società che gestisce, male, anzi malissimo, in subappalto, la manutenzione ordinaria degli impianti. A questo punto, visto che è pronto a garantire ‘effetti speciali’, costringeremo il sindaco Alessandrini ad assumersi dinanzi alla città le sue responsabilità, politiche e amministrative, per l’ennesima inadempienza della sua giunta in aula, pretendendo risposte e soluzioni immediate”.

Lo ha annunciato il Capogruppo di Forza Italia Marcello Antonelli replicando all’ennesimo annuncio del sindaco Alessandrini che si è detto pronto, entro febbraio, a ‘illuminare a giorno la città’.

“Ormai siamo alla beffa, alla presa in giro, per non dire peggio – ha commentato il Capogruppo Antonelli -: un sindaco che, di punto in bianco, fa un’affermazione del genere, vuol dire che non abita a Pescara almeno da un anno e mezzo, ossia da quando almeno mezza città è letteralmente spenta, al buio. Avevamo già denunciato il problema esattamente un anno e mezzo fa, aprendo un serrato dibattito in Commissione, e all’epoca l’amministratore unico di Pescara Energia, Tullio Tonelli, rivelò che la responsabilità era di Enel Sole che aveva assunto la manutenzione degli impianti e che i continui black out erano imputabili al cambio dei differenziali reso necessario dopo la famosa scarica elettrica che sul lungomare nord aveva ucciso un povero cane. Ovvero: i nuovi differenziali non erano in grado di sopportare sovraccarichi e gli impianti continuavano a spegnersi. Contestualmente però Tonelli disse anche che Pescara Energia avrebbe riavocato a sé la manutenzione degli impianti per tagliare la testa al toro e restituire luce al territorio. Evidentemente così non è stato se, dopo un anno e mezzo, torniamo a denunciare gli stessi macroscopici problemi rimasti irrisolti: ormai le segnalazioni disperate dei cittadini, che si ritrovano a transitare al buio nelle varie strade di Pescara, costretti a farsi luce con i telefonini, sono quotidiane, la situazione è drammatica e soprattutto vergognosa e c’è da impallidire a leggere gli annunci del sindaco Alessandrini che suonano come uno sfottò ai pescaresi. Non solo: ormai è inaccettabile anche il servizio di sostituzione delle lampade danneggiate che, sino a quando è stato gestito da Pescara Energia, era garantita nel giro di poche ore dalla segnalazione, oggi passano settimane prima di veder risolto il problema e allora mi chiedo quand’è che il sindaco Alessandrini deciderà di chiedere a Pescara Energia di rescindere il contratto per inadempienza con la ditta che è responsabile della manutenzione. Anzi, tutto il contrario: è notizia dei giorni scorsi che addirittura l’assessore ai Lavori pubblici Blasioli abbia autorizzato la proroga del contratto con quella ditta e allora siamo all’assurdo e pretendiamo spiegazioni. Per questo domani, nel corso della riunione della Conferenza dei Capigruppo – ha annunciato il Capogruppo Antonelli – metterò il problema sul tavolo chiedendo di convocare una seduta urgente straordinaria e aperta del Consiglio comunale per affrontare l’emergenza black out in città, che è la priorità, altro che aree di risulta e bilancio, non ci muoveremo dall’aula sino a quando non si discuterà della questione fornendo tempi certi di intervento e soluzione, basta con le chiacchiere inutili e con le bugie ai pescaresi, promettendo, evidentemente, l’accensione di un secondo sole. Anziché annunciare progetti sui nuovi impianti che non partiranno mai, il sindaco Alessandrini pensasse a far funzionare quelli che già esistono: una città spenta è una città pericolosa, tanto in centro quanto in periferia, ed è evidente che tale disservizio assume dimensioni enormi nel periodo invernale, quando le ore di luce naturale si riducono e c’è maggior bisogno di quella artificiale. E su questo tema chiederemo anche l’intervento del Prefetto Basilicata e del questore Misiti i cui sforzi per garantire l’ordine pubblico e la vigilanza vengono vanificati da un’amministrazione comunale che non è neanche capace di tenere accesi gli impianti della pubblica illuminazione”.

Forza Italia Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK