Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

L'ex maresciallo della Municipale Solari occupa il casotto della spiaggia libera tra Pescara e Francavilla

| di Movimento 5 Stelle Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Tutto inizia alla fine del maggio 2017, durante un controllo portato avanti da alcuni mesi dalla GdF di Pescara, e scaturito da segnalazioni regolarmente registrate anche al Protocollo del C.do della Polizia Municipale. La GdF di Pescara pedina e filma il Sottufficiale della stessa P.M. Pasquale Solari, che dopo aver registrato la propria presenza presso la sede di lavoro, si dedica alla posa di reti da pesca con un’imbarcazione nel tratto di mare antistante i comuni di Francavilla al mare e Pescara, come altre volte si dedica addirittura a riempire di euro le casse delle slot machine nei bar della città.

Da questa indagine scaturisce un arresto e un rinvio a giudizio, con conseguente processo per direttissima che obbligò il Comune di Pescara a licenziare il Sottufficiale e ad azzerare qualsiasi emolumento a suo carico. Il Processo ha inizio nel luglio 2017, entrando nel vivo, l’eco mediatico della triste storia arriva a far diventare lo stesso Sottufficiale quasi una vittima. Invitato addirittura in trasmissioni televisive nazionali, il Maresciallo Pasquale Solari prova a difendersi nei modi più svariati, inconsapevolmente mette alla luce un nuovo ipotetico reato che qualche giornalista evidenzia in un articolo di un quotidiano locale.

A questo articolo segue un’interrogazione urgente in Consiglio Comunale del sottoscritto, con la quale si chiedono spiegazioni relative all’ipotetica occupazione abusiva di un casotto di proprietà del Comune di Pescara, che dovrebbe essere a servizio delle spiagge pubbliche. All’imbarazzo del C.te della Polizia Municipale consapevole della gravità dei fatti, pochi giorni dopo parte un vero e proprio blitz di Polizia di Stato e Polizia Municipale per sgomberare il casotto dall’occupante abusivo, che dopo qualche tentennamento decide di andarsene.

Sembra tutto risolto, invece dopo pochi giorni, a detta di molti frequentatori di quel tratto di spiaggia, l’ex Maresciallo Solari presumibilmente rompe i sigilli apposti dall’autorità giudiziaria, rientrando in possesso del casotto in legno e dei servizi annessi. A distanza di 18 mesi siamo come prima se non peggio, vista l’ipotesi di un nuovo reatocioè quello di aver rotto i sigilli, e di essersi rimpossessato della stessa struttura neppure qualche giorno dopo. Comportamento probabilmente dettato dalla disperazione, ma comunque un reato.

A questo punto andrebbe posta la parola fine a questa imbarazzante storia del solito “furbetto” della Pubblica Amministrazione, e di chi sapeva e sa all’interno dell’amministrazione Comunale e non ha agito.

Rimaniamo in attesa dell’ennesimo intervento delle Forze dell’Ordine, che possa finalmente chiudere questa imbarazzante e denigratoria storia, soprattutto nei confronti di chi dovrebbe dare l’esempio per legalità e giustizia, e cioè il C.te della Polizia Municipale Carlo Maggitti superiore diretto dell’ex Maresciallo Solari e il Sindaco del Comune di Pescara Marco Alessandrini.

Movimento 5 Stelle Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK