Carcere di Pescara, pochi agenti e troppi detenuti: "Clima insostenibile"

I sindacati della Polizia Penitenziaria manifestano e denunciano carenze di organico e turni stressanti

| di Ansa Abruzzo
| Categoria: Attualità
STAMPA

I sindacati della Polizia Penitenziaria del carcere di Pescara hanno manifestato davanti alla casa circondariale San Donato per protestare, fra le altre cose, contro le condizioni di lavoro e per la decisione "unilaterale della direzione di reintrodurre i turni di 8 ore".

Felice Rignanese (Sappe) spiega che "il problema del sovraffollamento del carcere non può essere ignorato. L'amministrazione centrale nel mantenere distaccate extramoenia 18 unità di Polizia Penitenziaria dell'Istituto di Pescara presso uffici e altre sedi, sembra non comprendere che al San Donato ci sono 400 detenuti, anziché i 270 previsti, rendendo il clima lavorativo insostenibile".

"Con la direzione del carcere c'è stata una interlocuzione ma le decisioni vengono da Roma", dice il segretario regionale Uspp Ugl, Sabino Petrongolo.

Leonida Mazza della Flp Cgil ha sottolineato come "al San Donato c'è una protesta unitaria perché i problemi che denunciamo riguardano tutti gli agenti di Polizia Penitenziaria".
   

Ansa Abruzzo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK