Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

RC Professionale, cosa è e a cosa serve

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

La RC Professionale è un’assicurazione obbligatoria per tutti i professionisti che per operare devono essere iscritti ad un ordine o ad un albo professionale come, ad esempio, geometri, ingegneri, medici, architetti, medici ecc.

Da ormai 6 anni, esattamente dal 13 agosto 2013, la RC Professionale è diventata obbligatoria per legge e serve a proteggere il patrimonio del professionista dai rischi legati alla sua attività lavorativa.

Infatti, come ogni lavoro, anche quello del professionista è esposto a dei rischi e la polizza serve proprio a coprire questi rischi sia per colpa lieve che per colpa grave. Le compagnie assicurative, a fronte di un premio da pagare annualmente, aiutano i professionisti a coprire eventuali risarcimenti chiesti da terzi per problemi sorti durante l’esercizio dell’attività lavorativa.

Come già detto la polizza è obbligatoria da 6 anni pertanto senza di essa il professionista non può assolutamente lavorare. Per questo motivo, prima di iniziare la propria attività, ogni professionista deve comunicare al proprio ordine gli estremi della polizza stipulata.

Una polizza di assicurazione di responsabilità civile professionale aiuta il professionista a coprire eventuali danni derivanti da negligenza, imprudenza, imperizia, danneggiamento, smarrimento di documenti e somme di denaro dei clienti e anche ad eventuali inadempienze del professionista stesso

Insomma la RC Professionale rassicura e aiuta il professionista nel suo lavoro e proprio per la grande varietà di ordini per i quali la polizza è obbligatoria essa deve essere studiata minuziosamente al professionista, proprio come un abito su misura.

E proprio come quando sceglie un abito si vanno a guardare tante piccole caratteristiche, anche per la polizza il professionista deve valutare bene alcuni elementi come ad esempio eventuali franchigie da pagare o il massimale che la polizza va a coprire oltre alla colpa grave e dal punto di vista del tempo, eventuali richieste di risarcimenti per prestazioni effettuate anni addietro.

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK