Sfruttamento della prostituzione nei 'centri massaggi': c'è Pescara nella 'rete'

L'operazione 'Vishudda' della Polizia ha fatto registrare un provvedimento di sequestro in città

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Nelle prime ore della mattinata odierna si è conclusa l’operazione denominata “Vishudda”, nell’ambito della quale, la Polizia di Stato, al culmine di una prolungata attività investigativa, condotta dalla Squadra Mobile di Ancona e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, ha sottoposto a sequestro penale n. 9 immobili adibiti a centri massaggi, ubicati in varie città, tra le quali anche Pescara, dove venivano sfruttate sessualmente giovani ragazze tutte italiane.

Contestualmente, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, collaborati dalle Questure competenti per territorio, hanno eseguite misure cautelari personali coercitive nei confronti di 5 dei 6 indagati, ritenuti i componenti dell’organizzazione facente capo ad una coppia di origini pugliesi.

L’operazione di polizia giudiziaria in parola, giunge a conclusione di un’articolata ed estesa attività investigativa, iniziata a fine anno 2017, sviluppata attraverso plurimi presidi tecnici e riscontri dinamici fatti sul territorio nazionale dagli investigatori della Polizia di Stato, rimarcando un quadro univoco di concorso in sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione di giovani ragazze italiane, organizzata e condotta stabilmente in 9 centri massaggi siti ad Ancona, punto di partenza dell’indagine, Faenza (RA), Curtatone (MN), San Giovanni in Marigliano (RN), San Benedetto del Tronto (AP), Pescara, Barletta e Bologna.

I fondatori, marito e moglie, che gestivano in prima persona l’organizzazione, da cui traevano cospicui profitti, sono stati arrestati ieri mattina anche con l’accusa di concorso in induzione alla prostituzione in quanto, mediante annunci di offerte di lavoro a tempo indeterminato, attraverso siti internet, reperivano giovani ragazze italiane che venivano successivamente indotte a prostituirsi, dopo un loro adeguato addestramento impartito all’interno di centri massaggi, dagli stessi promotori.

Il vertice dell’organizzazione, un uomo di 40 anni, è stato arrestato mentre sua moglie è agli arresti domiciliari.

Alle altre 3 donne italiane indagate, sono stati notificati i provvedimenti cautelari dell’Obbligo di Dimora, la sesta indagata, invece, è stata sottoposta a perquisizione delegata dalla Procura di Ancona.

redazione

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK