Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Ciclabile via Luisa D’Annunzio-via della Pineta, in arrivo una modifica al progetto?

| di ufficio stampa Lega Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

“Presenteremo un ordine del giorno in Consiglio comunale per impegnare sindaco e giunta a rivedere il cantiere in corso in via Luisa D’Annunzio-via della Pineta per la costruzione di una pista ciclabile e scongiurare la cancellazione di ben 40 posti auto oggi esistenti sul lato sud del marciapiede. È evidente che quel progetto, firmato dall’ex sindaco Alessandrini, rischia di trasformarsi in un clamoroso flop al pari dell’intervento di via Leopoldo Muzii, al quale stiamo cercando di porre rimedio, mettendo in ginocchio tutte le piccole attività commerciali, alcune di valenza storica, che insistono lungo l’asse stradale e che si vedrebbero private di un servizio essenziale, quello della sosta, impossibile da recuperare in tutta la zona. A questo punto, considerando che nel mese di dicembre comunque i lavori subiscono un naturale rallentamento, determinato tradizionalmente dalle condizioni meteorologiche sfavorevoli e dalle feste, toccherà ai nostri uffici individuare una valida alternativa per consentire da un lato la realizzazione della pista ciclabile ma, dall’altro, di tutelare l’economia del territorio”.

Lo ha detto il Presidente della Commissione Mobilità Armando Foschi, al termine del sopralluogo odierno sul cantiere compreso tra via Luisa D’Annunzio e via della Pineta.

“Nei giorni scorsi – ha spiegato il Presidente Foschi – siamo stati raggiunti dai mugugni di alcuni commercianti della zona, i quali hanno espresso forti dubbi e perplessità su un cantiere che, di fatto, sta impegnando una grossa porzione della carreggiata stradale per far posto a una pista ciclabile che, a loro dire, avrebbe cancellato i parcheggi e purtroppo la verifica odierna, condotta con il Dirigente comunale Giuliano Rossi, ha confermato quelle preoccupazioni, assolutamente fondate. In sostanza, il progetto approvato e avviato dalla precedente amministrazione Alessandrini, la stessa che ha firmato la pista ciclabile di via Leopoldo Muzii, prevede una pista a due corsie di marcia, dunque larga 2,50 metri che, raccordandosi alla pista della riviera sud-piazza Le Laudi, correrà lungo via Luisa D’Annunzio, occupando il marciapiede lato monte, senza creare alcun intralcio, anzi in tal senso i lavori sono stati ben accolti dalla cittadinanza perché stanno permettendo anche la riqualificazione del marciapiede devastato dalle radici dei pini. I problemi cominciano all’incrocio tra via D’Annunzio-Largo Gardone Riviera-via della Pineta: dinanzi all’Aurum, infatti, ci sarà l’attraversamento perché la pista ciclabile si sposterà sul lato sud della strada, mangiando una parte della carreggiata carrabile; all’altezza della Casa Cantoniera, lungo via della Pineta, la pista ciclabile tornerà sul marciapiede su sede promiscua, perché più stretto, e da questo punto procedendo in direzione nord saranno cancellati inevitabilmente 40 posti auto oggi utilizzati per la sosta. Tradotto, chi dovrà fermarsi per un acquisto in uno dei negozi della zona, o in farmacia, o andare in palestra o in un bar o pasticceria lungo la strada, non avrà più un punto in cui potersi fermare. Secondo il progetto, appena 15 stalli verranno recuperati in via Plauto, una traversa secondaria, ma sarà nulla rispetto a quello che si andrà a perdere, in altre parole il sindaco Alessandrini ci ha lasciato in eredità un altro bubbone che si trasformerà in un boomerang per la città e soprattutto per i commercianti che ancora coraggiosamente resistono alla crisi, mantenendo aperte le vetrine e accese le luci, nonostante la zona sud di Pescara sia già fortemente penalizzata dall’assenza dei grandi flussi di utenti, e dalle continue chiusure al traffico che a fine settimana alterni la isolano a causa delle partite allo Stadio. E il progetto in corso aggraverà ulteriormente quella paralisi, se consideriamo che oggi proprio l’asse via della Pineta-via D’Annunzio rappresenta una valvola di sfogo per chi va allo stadio o anche per chi va al mare. E’ evidente – ha proseguito il Presidente Foschi – che quel progetto è sbagliato o comunque è nato male, dunque fermo restando che nessuno è contrario alle piste ciclabili, è però chiaro che i progetti non possono ogni volta danneggiare il tessuto economico del territorio di riferimento, ma piuttosto devono accompagnare e favorire il suo sviluppo, e non è il caso di via della Pineta-via D’Annunzio. A questo punto abbiamo già annunciato che presenteremo subito un ordine del giorno che porteremo in Consiglio comunale con il quale impegneremo sindaco e giunta a sospendere temporaneamente il cantiere in corso per consentire agli uffici di studiare una variante al progetto e individuare un percorso alternativo per la pista ciclabile, tale da non imporre la cancellazione dei 40 posti auto per la sosta. Toccherà agli Uffici tecnici trovare anche la soluzione ottimale in modo da non esporre l’amministrazione a contenziosi nei confronti della ditta, considerando peraltro che nella zona sono molte le variabili possibili, da un percorso che vada su via Riccitelli e via Marchetti, o anche che attraversi la riserva naturale. Comprendiamo le preoccupazioni espresse oggi dall’ingegner Rossi in merito alle modifiche proposte, ma se un progetto è sbagliato e danneggia la città non è pensabile portarlo avanti in modo forzoso, sfidando la città stessa, perché si teme un’esposizione con l’impresa, con la quale, piuttosto, va aperto un confronto, anche perché i mesi invernali e le feste imporranno comunque un rallentamento del cantiere e gli uffici potranno sfruttare a nostro vantaggio tale tempo a nostra disposizione”.

ufficio stampa Lega Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK