Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Rifiuti - Caos al Comune di Penne

F.I.A.D.E.L. scopre il motivo dei mancati pagamenti degli stipendi .

| di Saladino
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

 

La F.I.A.D.E.L. Sindacato di diversi lavoratori che operano nel settore dell'Igiene Urbana dopo numerose e diverse istanze inoltrate al comune di Penne , ieri mattina è riuscita ad avere copia degli atti contrattuali riferiti all appalto del servizio di raccolta rifiuti affidati dal comune all ATI Ecoalba/SimaEcologia .

L intervento della Fiadel è stato necessario in quanto le maestranze sono ancora in attesa del pagamento dello stipendio di febbraio nonché di arretrati per straordinari effettuati da circa un anno . Premesso che tale problematica era stata più volte portata all attenzione del Sindaco dell Assessore competente nonché del dirigente , nonostante incontri , firme di impegni mai mantenuti,  non vi è stato alcun  intervento risolutore da parte della Stazione Appaltante . La Fiadel quindi ha rotto gli indugi chiedendo l accesso agli atti e si è recata presso il comune di Penne . Alla  richiesta di chiarimenti fatta direttamente al primo cittadino , quest ultimo rispondeva che non ne era a conoscenza e che si sarebbe adoperato per capire il motivo della mancata elargizioni degli stipendi agli operai. Ma la vera scoperta è stata fatta visionando finalmente i documenti da tempo richiesti . Abbiamo, continua FIADEL ,  preso atto che il problema dei continui e ripetuti ritardo ovvero mancati pagamenti degli stipendi deriva principalmente da quanto segue :

Agli atti di gara ed allegati al contratto di appalto, vi è un accordo tra le ditte aggiudicatrici redatto come da normativa vigente e sottoscritto davanti ad un notaio, con il quale le due aziende volendo regolamentare le proprie competenze,  comunicano al comune che il pagamento delle fatture avvenga in modo separato;  Il 50% ad ECOALBA ed il restante 50% a SIMA ECOLOGIA . Ed infatti così è stato fino a Settembre 2014. Dopo tale data viene redatto  un altro documento con il quale il comune decide di pagare il 100% del canone mensile alla società Ecoalba, mentre Simaecologia ha continuato a fatturare il suo 50%, cosi come stabilito da rogito  notarile. Qest'ultima, venutane a conoscenza ha diffidato ed  intimato all ente di ripristinare il pagamento così come da atto notarile allegato al contratto di appalto . Detto ciò gli operai si trovano , senza averne alcuna responsabilità , senza stipendi ed in mezzo ad una diatriba tra Comune penne e le due aziende di difficile soluzione a breve termine .

Inoltre sempre tra la documentazione estratta e visionata vi è la polizza a garanzia dell appalto che non risulta essere firmata dai coobbligati, rendendola quindi inefficace nel caso le maestranze dovessero ricorrere ad azioni a tutela del proprio lavoro . Insomma un intricato problema sul quake  fiadel solamente aveva cercato di portare l attenzione degli amministratori e dirigenti locali . . Non da ultimo con l avvento della fatturazione elettronica l ufficio ragioneria del comune è andato in tilt bloccando tutte le innovative attività di pagamento .

Malgrado siamo al 26 Marzo 2015  , nonostante accordi sottoscritti tra le Organizzazioni Sindacali, le Aziende e l’Amministrazione Comunale  ad oggi risultano ancora inadempienze circa il rispetto delle tempistiche riguardanti l’erogazione dei salari prevista dal C.C.N.L.. Ricordiamo che nel verbale stilato in data 26.11.14, il Dirigente Comunale Dott. Ing. Piero Antonacci, diffidava le Aziende ad ottemperare gli obblighi contrattuali pena la procedura di rescissione del servizio, cio’ nonostante l’Associazione Temporanea di Imprese continua imperterrita , a non erogare nei tempi previsti dal contratto, gli stipendi. La scrivente , peraltro e’ ancora in attesa di ricevere dalla A.T.I.. il monte ore straordinari effettuati dai Lavoratori dal Mese di Aprile 2014 e sembra non ancora retribuiti. FIADEL  stigmatizza  i comportamenti delle parti interessate che non mantengono gli impegni assunti e sottoscritti nell’accordo succitato, anche alla luce delle nuove ed illuminanti circostanze documentali .

Come chiaramente evidenziato nell'allegata documentazione è chiarissima la situazione di caos amministrativo e documentale nella gestione di questo contratto, che peraltro ha portato le due aziende ad adire le vie legali una contro l'altra. E le conseguenze le pagano i dipendenti !!!!

La Fiadel quindi nell invitare il Sindaco sia ad un attenta verifica di legittimità su quanto sta accadendo che ad attivarsi in modo che le maestranze siano retribuite nei termini contrattuali, lo esorta ad agire senza ulteriore indugio a tutela dei lavoratori e delle loro famiglie .

Saladino

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK