Jamshid Ashough e l'enigma di un genio

L'analisi degli studi di Federico Fellini fra i primi incontri del FLA2017

| di Fabio Rosica
| Categoria: Cultura
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Fra i primi appuntamenti della XV edizione del FLA di Pescara, un interessante incontro con lo scrittore iraniano Jamshid Ashough, presso Casa D'Annunzio.

Trasferitosi in Italia fin dal 1980, Jamshid vive a Montesilvano. Appassionato alle opere e al genio di Federico Fellini ne ha illustrato il pensiero, interpretando ogni singola scena dei suoi film, fotogramma per fotogramma.

Grazie all'ausilio di alcune immagini, fra cui quelle tratte dal più celebre dei film felliniani, 8 e 1/2, ha intrattenuto il pubblico presente, raccontando vizi e virtù del grande regista.

L'arte non è verità, l'arte è una bugia. Questa celebre affermazione di Picasso venne utilizzata da Fellini per spiegare il suo essere bugiardo. Le contaminazioni del famoso pittore, spiegano la presenza, in qualità di moderatore, di Raffaele Cordigliere, docente di Storia dell'arte.

Per coloro che volessero approfondire l'argomento, le Edizioni Zona Franca hanno pubblicato il libro di Jamshid Ashough, intitolato per l'appunto L'ENIGMA DI UN GENIO (Capire il linguaggio di Federico Fellini).

Fabio Rosica

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK