Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Romanzo di amore e di rimorso

Il cuore e la tenebra

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Cultura | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Giuseppe Culicchia è un ex libraio che ha pubblicato circa 30 libri stati tradotti in 10 lingue straniere.

Il suo long seller Tutti giù per terra, scritto da oltre 20 anni è incluso nella collana 900 italiano della Mondadori ed è anche presente nelle antologie scolastiche.

Il successo sicuramente maggiore di Colicchi è Torino è casa mia, edito da Laterza e, per Einaudi, un testo di sicuro successo è stato Mi sono perso in un luogo comune.

Tra le sue attività editoriali anche numerose traduzioni di testi di autori stranieri quali Mark Twain, Francis Scott Fitzgerald

Nel pomeriggio di domenica 30 giugno ha presentato, nella libreria Bookstore Mondadori in via Milano a Pescara, il suo ultimo lavoro: Il cuore e la Tenebra.

A condurre l’intervista Marcello Nicodemo, scrittore e insegnante di materie letterarie.

Giuseppe Culicchia ha parlato del suo libro per il quale l’ispirazione la ebbe già 20 anni prima, durante una visita a Berlino, quando la città era da poco stata liberata dal muro che la divideva ed era in piena ristrutturazione mostrando ancora, dietro le facciate vuote, il dramma e la tragedia che l’aveva vista protagonista dalla guerra in poi.

Ed il suo racconto parla appunto di una parte importante della vita di Giulio, il protagonista, che si era recato a Berlino per la morte del padre direttore d’orchestra della Filarmonica di Berlino. Il giovane è ossessionato dall’esecuzione della Nona di Beethoven diretta da Furtwangler nel 19 aprile del 1942 per il compleanno di Hitler.

Il leitmotiv del racconto è la storia di Giulio che cerca di ritrovare il padre scomparso attraverso la ricerca delle sue azioni e delle su cose materiali lasciate dopo la morte.

L’amore per il padre e la scoperta di un uomo sconosciuto e l’amore non ricevuto da un genitore assente, sono il racconto di un fallimento di un amore che lascia rimorso e rimpianto senza risposte.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK