I giovani e i loro sogni, "combattere sempre, arrendersi mai"

La cantautrice pescarese Anastasia Imparato si racconta in un'intervista

| di Sara Gerardi
| Categoria: Interviste
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

"Avere un sogno e crederci fermamente": è la filosofia di vita adottata da Anastasia Imparato, in arte Loovemils, sin da quando era piccina.

Anastasia è una giovane cantante e studentessa pescarese, che con il suo ultimo singolo Non voglio più ha già raccolto 14.000 visualizzazioni sul canale youtube. Che sia come cantante o musicista, ciò che importa ad Anastasia, è “vivere di musica”, nonostante gli ostacoli e la crisi, nonostante troppo spesso ai giovani sembra quasi essere vietato sognare.

La giovane artista, però, non si arrende e va avanti e vive pienamente il suo grande amore.

Anastasia, quando e come è nata la tua passione per la musica?

La mia passione per la musica è innata e c'è sempre stata fin da piccola, quando con mia madre, cantavo i pezzi che la radio trasmetteva. Io penso che in ognuno di noi c'è un talento che, con il passare del tempo, è bello scoprire e coltivare. 

Sei una giovane artista emergente, quale genere di musica proponi?

Non mi piace essere etichettata e non seguo un genere in particolare, io sperimento sempre nuovi mix musicali, dove le persone non possono confondersi nè confondermi con altri artisti. Mi sento vicina però ai generi americani dell' hip hop e all' R&B, questo perchè canto oltre che in italiano anche in inglese.

A tal proposito, c'è qualche cantante a cui ti ispiri o che senti vicino quando componi i tuoi testi musicali?

Si, adoro Beyoncè e ho un debole per Rihanna, ma ascolto anche il pop di Taylor Swift e il Rap di Lil Wayne, per quanto concerne gli artisti stranieri. Per quanto riguarda invece la musica italiana, mi ispiro alla "nuova scuola", facendo un genere più melodico rispetto al pop e al rap tradizionale.

Parliamo dei tuoi singoli, a quale sei più legata?

Il brano a cui sono più legata è l'ultimo Non voglio più, uscito solo due settimane fa. Mi piace perchè è una canzone di rivalsa, il cui messaggio è rivolto a tutti i giovani, e incita a non arrendersi mai nella vita e a non mollare, nè abbattersi di fronte agli ostacoli perchè ci sarà sempre  un'opportunità per farsi valere. Un pezzo del ritornello recita "non voglio più chiedere aiuto", questo implica il voler realizzarsi da soli, raggiungere i propri obiettivi, ed avere le proprie rivincite da soli, senza l'aiuto di nessuno.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Non ho ancora un'idea ben precisa, ma posso anticipare che sto lavorando per fare uscire altri singoli, di cui uno arragiato anche poche ore fa, e che uscirà fra un mesetto circa. Ho intenzione poi di fare dei "feat", parola che nel gergo musicale indica collaborare ad un pezzo con altri artisti, sia del panorama italiano che internazionale.

Ultima domanda: che consiglio ti senti di dare ai giovani che come te decidono intraprendere la carriera musicale?

Vorrei dire a tutti i ragazzi/e che si avvicinano a questa professione di non essere assolutamente timidi, nè prevenuti e di non pensare che in poco tempo si possono trasformare i propri sogni in un vero lavoro, occorre determinazione. Non bisogna scoraggiarsi, se c'è del talento, con il tempo, arriverrano i frutti e le soddisfazioni, ma bisogna lottare per i propri obiettivi.

Il video di Non voglio più

 

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK