Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Amaro Amore in favore dell'AISM

Sabato 1° giugno presso il teatro Madonna del Rosario di Pescara

| di Fabio Rosica
| Categoria: Musica e Spettacolo | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Riceviamo e pubblichiamo:

Nell’ambito del progetto “I segreti del teatro”, finanziato dalla Fondazione Pescarabruzzo, che ha coinvolto l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Sezione Provinciale di Pescara e la Compagnia Teatrale “Diario di Bordo”, il 1° giugno 2019 andrà in scena, alle ore 21:15, presso il teatro Madonna del Rosario di Pescara, la commedia “Amaro Amore” scritta da Giuseppe Pomponio. Il testo nasce da un soggetto di Franca Arborea e si sviluppa in quella composizione teatrale che è definita con il termine di “metateatro”, introdotto dall’americano Abel. Questa particolare scrittura contiene, all’interno di un testo, un’altra narrazione. Quasi uno sdoppiamento della teatralità che coinvolge il pubblico sulla meccanica del racconto teatrale. La metateatralità nasce da lontano, in epoca barocca, e attraverso Medwall, Kyd, Shakespeare, arriva alla modernità con Pirandello in “Sei personaggi in cerca di autore”.

Il testo che verrà rappresentato è un puro “divertissement” con un’appendice che sfiora il sentimento più consumato nella storia artistica di sempre e cioè l’amore. Un regista problematico e dichiaratamente misogino è chiamato a dirigere un lavoro che parla appunto dell’amore. Alla contrarietà che prova per il testo che gli hanno proposto si aggiunge la scoperta che dovrà metterlo in scena con una scombinata compagnia di attori, decisamente singolari e soprattutto di modestissime capacità attoriali. Dopo alcuni tentativi, alla fine, è costretto a desistere e ad abbandonare il teatro e la compagnia di guitti. Gli attori sono disperati per la perdita della scrittura, ma il provvidenziale intervento della donna delle pulizie che aspira a recitare e che ha sottratto al regista un suo copione dimenticato sulla scena, apre una nuova pagina di teatro che trasformerà gli attori inadeguati della prima parte in interpreti convincenti di un’altra storia. L’esperimento teatrale si è avvalso degli attori della compagnia teatrale “Diario di Bordo” e di alcuni portatori di S.M. che frequentano il Centro Diurno dell’AISM di Pescara. La regia è di Giuseppe Pomponio coadiuvato da Lina Bartolozzi.

Info: 3385948617 e 3343555464

Fabio Rosica

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK