Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Elezioni comunali Pescara: +Europa rinuncia al simbolo e sostiene Costantini

| di Ufficio stampa Carlo Costantini
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

+Europa rinuncia a presentare una sua lista e ad utilizzare il suo simbolo e sceglie di sostenere il progetto 'Faremo grande Pescara', con dei suoi candidati nella lista 'Nuova Pescara' del polo civico guidato dall'aspirante primo cittadino Carlo Costantini, in vista delle elezioni amministrative del 26 maggio. Stamani l'ufficializzazione dell'adesione al progetto, nel corso di una conferenza stampa a Pescara.

All'iniziativa, che si è svolta in Comune, hanno partecipato, oltre a Costantini, il coordinatore di +Europa Pescara,Nico Di Florio, e i tre candidati di +Europa, Dario Boilini e i giovanissimi Riccardo Varveri e Giacomo Di Persio, entrambi studenti di 22 anni. A margine dell'incontro gli esponenti di +Europa hanno ricordato Massimo Bordin e hanno auspicato la sopravvivenza di Radio Radicale.

"Gli amici di +Europa - dice Costantini - hanno rinunciato alla prospettiva di presentare una propria lista, con il simbolo politico, e mi hanno chiesto di inserire candidati nella lista 'Nuova Pescara' del polo civico 'Faremo grande Pescara'. Questo mi ha fatto grande piacere, anche perché sono loro che, insieme a me, nel 2014, hanno promosso e sostenuto la campagna referendaria".

Ribadendo che "oggi i partiti non sono il bene di Pescara" a causa della "litigiosità e della frammentazione", Costantini sottolinea che, "ad esempio, il candidato sindaco Masci si è dichiarato favorevole alla Grande Pescara, ma il suo partito di maggioranza, la Lega, sta raccogliendo a Montesilvano le firme per ottenere l'abrogazione della legge che ha istituito la nuova città. Queste contraddizioni, queste divisioni, questa litigiosità - osserva il candidato - non consentiranno di realizzare il progetto di Grande Pescara a cui il 71% dei pescaresi ha detto sì".

"Noi, invece - aggiunge Costantini – abbiamo deciso di far fare un passo indietro ai partiti, proprio per mettere al centro gli interessi di Pescara e dei pescaresi. I cittadini oggi vogliono guardare al futuro, vogliono cambiare, vogliono costruire la capitale del medio Adriatico e per fare questo hanno una sola opzione: sostenere chi ha creduto in quel progetto fin dalla sua origine".

"Per noi - afferma Nico Di Florio - il progetto della Grande Pescara è un programma elettorale a sé e per questo abbiamo deciso di sostenere Carlo Costantini, personalità che meglio può garantire alla nostra città questo passaggio storico. Non abbiamo avuto difficoltà a rinunciare al nostro simbolo in ragione dell'interesse e del bene della nostra città. Federare i tre comuni vorrebbe dire trasformare Pescara in una grande città europea".

"Siamo con Costantini - dice Dario Boilini - per rilanciare lo spirito di una Pescara che guarda al futuro, nel rispetto dello stato di diritto e per il benessere dei cittadini".

"Questo progetto è finalizzato alla fusione di tre comuni – sottolinea Riccardo Varveri - e noi siamo a favore dell'abbattimento di ogni barriera, che per Pescara significa una città più green, più sostenibile e migliore".

"L'appoggio a Costantini - afferma Giacomo Di Persio - si basa sul progetto della Grande Pescara, ma non c'è solo quello. C'è una totale condivisione di temi, quali, ad esempio, le smart city e l'economia sostenibile, su cui ci troviamo d'accordo al cento per cento".

Ufficio stampa Carlo Costantini

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK