Rimonta bis subita dal Delfino

Dopo il Frosinone anche la Salernitana, questa volta allo scadere, riacciuffa il Pescara: 2-2 il risultato finale

| di Fabio Rosica
| Categoria: Sport
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Seconda rimonta consecutiva subita dal Delfino, che dopo aver sfiorato in almeno un paio di occasioni lo 0-3, alla fine era riacciuffato proprio al novantesimo dalla Salernitana. Gara condizionata da un gran caldo, che inizialmente è sembrato pesare sulle gambe dei campani, mentre negli ultimi minuti, a pagare dazio è stata la compagine allenata da Zeman.

Temperatura di quasi 30° allo Stadio Arechi, umidità al 51%, pomeriggio sereno e caldo. Ha arbitrato Federico La Penna della sezione di Roma 1. Le formazioni si erano così schierate al calcio d’inizio delle ore 15:

La Salernitana di Alberto Bollini si era schierata con il classico 4-3-3, che vedeva Radunovic in porta, Vitale, Tuia, Bernardini e Perico sulla linea di difesa, Ricci, Della Rocca e Minala a centrocampo, Sprocati, Bocalon e Pucino in attacco.

Lo speculare modulo del Pescara vedeva in porta Pigliacelli, Zampano, Coda, Perrotta e Mazzotta difensori, Coulibaly, Brugman capitano e Proietti a centrocampo, Capone, Pettinari e Del Sole sulla linea avanzata.

La cronaca:

Al 25’ passava in vantaggio il Pescara con un’azione da manuale. Rapidi tocchi che lanciavano sulla destra Zampano, il quale serviva in area Capone, che di sinistro a porta ormai vuota insaccava facilmente: 0 - 1.

Si chiudeva il primo tempo, dopo un minuto di recupero, dominato da un volitivo Pescara.

Un cambio per parte all’inizio della ripresa. I padroni di casa inserivano il portoghese Alex per Perico, mentre il biancazzurro Proietti, che si era infortunato al termine della prima frazione di gioco in seguito a un duro contrasto a centrocampo con il camerunense Minala, era sostituito da Carraro.

Secondo cambio ordinato da Bollini al 61’, che provava a dare una sferzata allo sterile gioco dei suoi, con Zito al posto di Della Rocca.

Al 67’ Benali sostituiva uno stanco Capone, dopo che la Salernitana aveva fallito una clamorosa occasione per pareggiare, a causa di un errore a centrocampo di Perrotta; lo stesso difensore aveva poi salvato sulla linea il contropiede di Sprocati, causato appunto dalla sua distrazione.

Raddoppiava il Delfino al 72’ con il solito Pettinari (settima rete stagionale), servito a porta vuota da Brugman, che si era involato a sinistra grazie al preciso appoggio del neo entrato Benali: 0 – 2.

Ultimo cambio per i campani al 77’; Pucino doveva lasciare il campo per infortunio e gli subentrava lo spagnolo Rodriguez.

Trascorreva meno di un minuto e al 78’ Sprocati, grazie a una splendida azione personale, alla Del Piero, infilava Pigliacelli alla sua sinistra, a fil di palo: 1 - 2.

Terzo cambio richiesto da Zeman, ultimo della gara, con Kanoute per Coulibaly al 79’.

Proprio al 90’ Minala, su assist di Vitale da calcio di punizione, beffava gli ospiti, fissando il risultato sul pareggio: 2 - 2.

Qualche statistica di seguito, che evidenzia ulteriormente l’equilibrio in campo:

11 tiri a testa. 3 a 3 sia i calci d’angolo, che le ammonizioni per parte.

A rileggerci lunedì mattina, come da consuetudine, con IL LUNEDI’ DEL DELFINO.

Fabio Rosica

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK