Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

L'Abruzzo alla Cop21: iniziano i lavori. Mazzocca: "Fondamentale il ruolo degli attori non statali"

| di Doriana Roio
| Categoria: Territorio | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Sono iniziati stamane, mercoledi 2 dicembre, alla Cop21 di Parigi  i lavori della delegazione Abruzzo con il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca e la Dirigente del Servizio Energia Iris Flacco nel Forum "Regions and citizens acting together against climate change - Attori non statali insieme contro il cambiamento climatico".

Come illustrato da Mazzocca, sebbene strategicamente fondamentali ma  per il momento non ancora abbastanza partecipi, Regioni, Comuni, organizzazioni non governative e altri attori non statali potrebbero determinare entro il 2020, con opportune iniziative, una riduzione di gas serra fino a 1.8 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, contribuendo radicalmente all'applicazione di strategie nazionali di sviluppo per  imprese e cittadini sui loro territori attraverso sistemi di condivisione di conoscenze e tecniche. Così come valide opportunità future potrebbero derivare da alleanze tra governi centrali e attori non statali per l'attuazione di misure di mitigazione e di resilienza alle nuove realtà.

La XXI Conference Of the Parties - Conferenza delle Parti - della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si e' aperta il 29 novembre scorso e si concludera' venerdi 11 dicembre dopo due settimane di confronti tra i 195 Paesi partecipanti e, si auspica, di nuovi accordi vincolanti internazionali per conquistare l'obiettivo di contenere il surriscaldamento globale entro  i 2°C, intervenendo sulle fonti energetiche, sull'inquinamento da emissioni CO2, sull'adattamento ai cambiamenti gia' verificatisi e promuovendo la cultura del risparmio energetico.

"La posta in gioco è troppo alta - ha commentato il Sottosegretario - per non richiedere un cambio di direzione e un'assunzione di responsabilità da parte di tutti i livelli di governo: sia globali, che nazionali, che locali. Le future generazioni si aspettano di ereditare un mondo sano e tutti noi abbiamo l'obbligo di fare in modo che questo diritto venga rispettato".

 

 

 

Doriana Roio

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK