Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il 3 Dicembre Futuro Imperfetto 2.0 e Arci Teatro presentano il terzo appuntamento della rassegna #FALSOPALCO

SARABANDA POSTCOMUNISTA di Irida Gjergji Mero

Condividi su:

SABATO 3 DICEMBRE dalle 21

SARABANDA POSTCOMUNISTA di Irida Gjergji Mero

Un monologo in jazz.
Una biografia traslata e musicata sul tema delle radici. 
Sulla condizione dell'emigrare/immigrare, sull'incertezza di questo doppio passo. Il passo forzato verso la nuova terra, la nuova cultura, e il desiderio di ritrovarsi e riconoscere le proprie radici.
La drammaturgia non punta alla polemica sociale ma gioca con i luoghi comuni sulla diversità, con la ricchezza di dettagli e lo sguardo straniato di chi li affronta ogni giorno in prima persona.
Lo spettacolo si compone di racconti, brani, suoni e ritmi della tradizione popolare albanese rivisitati in chiave contemporanea. E' il risultato dell'incontro tra un'attrice e violista classica albanese, immigrata da più di dieci anni, e tre musicisti italiani di estrazione squisitamente jazzistica.
Terreno comune della ricerca è il tentativo di intrecciare il suono alla parola, di farle fluire naturalmente in racconti di stupore e danze animate. Nina è un personaggio che porta dentro di sé due mondi: la modernità e la tradizione, l'Albania di oggi e quella del regime, l'Italia immaginata e quella vissuta. Affronta con divertimento e cinismo un naufragio. E' espressione di chi una terra non l'avrà mai, se non quando batterà il piede per tenere il ritmo della sua musica.

Con:
Irida Gjergji Mero - voce e viola 
Giacomo Salario - pianoforte 
Ivano Sabatini - contrabbasso 
Walter Caratelli – batteria



Collaborazione alla drammaturgia e alla messa in scena:
Andrea Cosentino

Musiche originali:
Diego Conti, Giacomo Salario

Occhio interno/esterno:
Luljeta Gjergji Mero, Maria Adele D'Amaro

INGRESSO € 5
TI REGALIAMO UN LIBRO

Circolo ARCI 
Futuro Imperfetto 2.0
Via Bologna 26 - Pescara

INGRESSO E COMUNICAZIONE RISERVATI AI SOCI

Condividi su:

Seguici su Facebook