Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dal 6 dicembre al via la mostra presepiale e gli eventi natalizi del Circolo Aternino

La redazione
Condividi su:

Presentata stamane la seconda edizione della mostra di presepi e delle iniziative che si svolgeranno dal 6 dicembre al 6 gennaio presso il Circolo Aternino, a cura dell’associazione ATAI (Associazione trapiantati ammalati epatici – Gino Abruzzese – Pasquale Galasso).
Oltre al Sindaco Marco Alessandrini e al Presidente del Consiglio Comunale Antonio Blasioli, sono stati presenti: Pasquale Scognamiglio , presidente ATAE, Dina Di Pietrantonio vice presidente ATAE, Cesare Scognamiglio direttore artistico, Rossella Poggiali coordinatrice eventi, Gaetano Ciglia presepista, Gabriella Serafini Presidente Settembrata Abruzzese, Gianni Di Martile Vice presidente Corale Melodie D'Abruzzo, Elisa Mennillo Presidente Coro F.P.Tosti, Loretta D'Intino Direttore Coro F.P: Tosti, Giovanna Finaguerra coordinatrice evento Domus In...canto, Maria Antonietta Feruglio Regista, Maurizio Melchiorre zampogne d'Abruzzo, Andrea Marconi Presidente Pro Loco Pescara, Agnese Caravaggio e Fabrizio Mancini fondatori gruppo Pro Loco, Dr. Emilio D'Amico, Dott.ssa Valeria Pace Palitti.

La mostra inaugurerà il 6 dicembre  e avrà i segenti orari d'apertura: dalle 10: alle 12:00 e dalle 16:00 alle 21:30, Variegata la pesenza dei presepi provenienti da tutto l'Abruzzo e l' Italia, l'ingresso alla mostra è gratuito. Das, uncinetto, cartapesta, pasta, gesso innumerevoli le tecniche per la realizzazione dei presepi che saranno presenti all'interno del circolo Aternino.

"Sono molto felice perché diamo il via ad un momento di coinvolgimento di tante associazioni e tanti soggetti che coinvolgeranno un pubblico variegato – dice il presidente Antonio Blasioli – Si parte con una mostra che per il secondo anno gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio Comunale, ma che esiste da tempo. Siamo vicini a questa realtà perché l'ATAE ha una grande energia e una grande attrattività: lo scorso anno gli eventi sono stati seguiti da migliaia di persone ogni volta. Vogliamo  ripetere questa esperienza portando avanti uno spirito natalizio che si lega alle nostre origini abruzzesi e pescaresi e che però non chiuda gli occhi davanti alla realtà dei tempi che stiamo vivendo. Iniziamo con il Presepe solidale sabato pomeriggio alle 16 e finiremo con una Befana generosa che il 6 gennaio porterà doni a tutti in piazza Garibaldi". La Presidenza del Consiglio comunale offre così un grande calendario di eventi alla città ed alla zona di Pescara vecchia e Portanuova in particolare.

"Ci sarà anche un presepe vivente in piazza Garibaldi – aggiunge il presidente ATAE Pasquale Scognamiglio – più decine di manifestazioni collaterali alla mostra che è la nostra attività storica (vedi calendario). Abbiamo voluto creare una vera e propria rete fra le associazioni, realtà che collaborano con noi e con le quali condividiamo la passione per il volontariato e per la tradizione. La mostra è a ingresso libero, ma eventuali donazioni serviranno a sostenere le attività di un reparto che cura e restituisce la vita a persone con patologie epatiche, si potranno sostenere le attività volte al reparto e alla beneficenza che l'Associazione sceglie con delle offerte libere. Auspichiamo che come al solito la partecipazione sia numerosa e sentita".

"L'associazione trapiantati per malati epatici è erede dell'associazione per le guarigione dalle malattie epatiche che ora porta avanti il presidente Scognamiglio – spiega il dottor Emilio D'Amico a capo dell'unità di Penne. Al centro c'è il malato, intorno ci sono i medici e oggi noi funzioniamo come rete delle patologie. A Penne c'è un centro completo, un piccolo gioiello costruito con appoggio dell'associazione, ringrazio per questo i medici che lavorano con me: si tratta di professionisti cresciuti culturalmente e umanamente e oggi possiamo offrire qualcosa di prezioso ai nostri pazienti, la terapia delle epatiti virali, quella del tumore del fegato, fino al trapianto di fegato. Siamo in contatto con il Gemelli, le Torrette, Torino e Milano e i migliori centri di trapianti, abbiamo i migliori canali per arrivare alla sopravvivenza che è sempre più una condizione comune. L'associazione rappresenta i malati e le esigenze dei malati sono prese in carico dall'associazione: questo sodalizio ha dato sempre il massimo e oggi Penne è diventata una hub piccola ma importante, che può curare malati a tutti i livelli: la soddisfazione maggiore che ci sostiene è vedere una persona restituita alla vita".

"Da una vita mi occupo di cose effimere, scrivo fiabe, racconti, testi teatrali e mi ha colpito una cosa scritta di recente che anche l'inutilità può essere utile a qualcuno – aggiunge Maria Antonietta Feruglio, la regista dell'evento – infatti in questi 30 anni di attività abbiamo realizzato cose belle, perché al primo articolo del nostro statuto c'è la solidarietà come fine. Da 30 anni mi occupo di presepi viventi, ogni anno ho cercato di raccontare una piccola storia di Natale: quella che metteremo in scena domenica 20 dicembre ha bisogno del suo interprete principale, ovvero Gesù bambino, per questo lancio un appello alla città affinché si possa trovare un bimbo/a di massimo 3 mesi che possa completare il quadro della nostra Natività".

"Da quest'anno collaboriamo a questa manifestazione – dice Maria Gabriella Serafini, presidente della Settembrata Abruzzese – Voglio evidenziare la capacità di alcuni operatori di avere il polso del tessuto sociale e la grande disponibilità che circonda le iniziative e che fanno l'anima di questa cordata. Tutti danno il proprio contributo in maniera gratuita e come Settembrata siamo disponibili perché siamo convinti che ogni associazione che parla di tradizioni debba fare la propria parte. Noi lo faremo con il coro Melodie d'Abruzzo che inaugura la mostra".

"La Proloco di Pescara darà il suo contributo artistico – conclude Giuseppe Di Pasquale, vice presidente – Lo faremo con un gruppo di danza recentemente formato che ripercorrerà anche un repertorio etnografico di danze abruzzesi che vi invitiamo a conoscere perché sono divertenti e coinvolgenti"

Condividi su:

Seguici su Facebook