Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Valeria Montemurro a Pescara per raccontare il suo libro ,Il Paradiso di Zoe'

Condividi su:

Sala Consiliare gremita per ascoltare Valeria Montemurro, ospite della rassegna Autori a scuola a cura dell'Istituto Comprensivo 4, organizzata da Valentina Palleri (insegnante alla scuola 'Pascoli'), in collaborazione con l'associazione 'Amico Medico' e con il patrocinio del Comune di Pescara, che ha visto a Palazzo di Città centinaia di alunni delle scuole medie Michetti e Pascoli ascoltare con attenzione e commozione il racconto della ragazza. La dodicenne ha scritto un libro diventato un vero e proprio caso letterario, "Il paradiso di Zoe'", dedicato alla sorella prematuramente scomparsa a causa di una malattia, che ha catalizzato l'interesse dell'intera Sala Consiliare dove Valeria è arrivata accompagnata dai genitori.

"Sono stato felice di accoglierla e di ascoltarla – dice il Presidente del Consiglio Comunale Antonio Blasioli – Onore al fatto che abbia scritto un libro quando aveva 10 anni, due anni fa, alla perdita della di poco più grande. Onore alla sua grande fantasia che le ha concesso di costruire una storia fantasy commovente anche solo per riabbracciarla, incontrarla di nuovo. Nel libro e nel racconto di Valeria abbiamo percepito le speranze che la ragazza si salvasse dalla malattia che l'ha portata via e il dolore grande di aver perso prematuramente una sorella e anche un'amica. Così come nella sua serenità di oggi è apparso imponente il grande legame della famiglia, con i genitori che la seguivano dalla platea supportandola.

Nonostante la storia è riuscita a dare un messaggio di grande positività alla sala che l'ha ascoltata in silenzio, anche impressionandola perché era tanto numerosa: accettare quello che si è, amarsi e non dover cambiare per forza. E anche amare la lettura, capace, come nel suo caso, di regalare anche cose impossibili.

Bello anche il confronto finale con la platea, un dialogo fra adolescenti, uno scambio di esperienze e passioni diverse, calcio compreso, un modo di fare amicizia e colmare un vuoto difficile da colmare quale può essere la perdita di una sorella".

Condividi su:

Seguici su Facebook