Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Massimiliano Pignoli: Nessuno tocchi le borse lavoro dei malati psichiatrici

Condividi su:

«È di qualche giorno fa la notizia del mancato rifinanziamento da parte della Regione Abruzzo delle borse di lavoro riservate ai malati psichiatrici che in Abruzzo, in totale, sono 300 persone. E nel solo Comune di Pescara ci sono circa 10 malati, 2 nel mio gruppo consiliare. Una legge del 2000, la 94, ha istituito queste borse lavoro, che rappresentano una vera e propria terapia per queste persone che negli anni hanno fatto passi da gigante sul fronte della socializzazione e anche nello svolgimento di varie attività lavorative».

A parlare è il consigliere comunale Massimiliano Pignoli di Scegli Pescara-Lista Teodoro, che aggiunge:

«Vista la mia politica che ha finalità sul sociale mi hanno contattato alcuni genitori dei ragazzi psichiatrici che mi hanno cercato per un aiuto. Venerdì ci siamo incontrati e abbiamo di organizzare una conferenza stampa per presentare le iniziative di protesta che metteremo in atto.  Questi ragazzi prendono 239 euro al mese e ogni ci sono problemi per il rifinanziamento come se questi malati fossero di serie B. Visti i risultati positivi che ha questa terapia, parlando con gli assistenti sociali dei distretti sanitari pescaresi ci sono file di ragazzi che vorrebbero accedere a questa attività e invece di aumentare le somme a disposizione le tolgono completamente».

«Chi mi volesse contattare delle altre famiglie», conclude Pignoli, «sia per avere un aiuto sia per rendere più numerosa la protesta, può contattare il numero del gruppo consiliare allo 085/4283464. Fin da oggi auspichiamo un ripensamento della Regione anche per il costo che graverebbe sulla sanità a causa dei ricoveri di cui avrebbero bisogno».

Condividi su:

Seguici su Facebook