Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Countdown sulla diga foranea, Balducci replica a Sospiri

Condividi su:

“Sospiri attacca due cartelli al Palazzo del Consiglio regionale in piazza Unione a Pescara, il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio gli intima di rimuoverli e lui cosa fa? Se la prende con D’Alfonso. Siamo in presenza di uno scenario degno delle migliori opere di Samuel Beckett, maestro del teatro dell’assurdo”.

E’ la replica del vicecapogruppo del Pd in Consiglio regionale, Alberto Balducci, ad una nota di Lorenzo Sospiri nella quale il consigliere di FI comunica al Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso di non voler togliere i cartelli affissi sul Palazzo del Consiglio regionale in piazza Unione a Pescara.

“Il palazzo di piazza Unione – prosegue Balducci – è di proprietà del Consiglio regionale, come dovrebbe ben sapere chi ha preteso di procrastinare la consiliatura più lunga, più costosa e più dimenticata del Paese. La gestione dell’immobile spetta quindi al Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, e non a D’Alfonso il quale – senza chiederglielo ma conoscendone le abitudini – potrebbe far incorniciare e illuminare i cartelli di Forza Italia. La prossima volta che Sospiri cerca una scusa per attaccare D’Alfonso, scelga almeno un motivo che compete al Presidente della Giunta regionale, senza prendere pateticamente a pretesto eventi che non lo vedono coinvolto né tantomeno interessato (se non a incorniciare). Gru e denunce esistono solo nella fervida fantasia di Sospiri che – in una rabdomantica ricerca di notorietà mediatica – vaneggia di scenari privi di qualsiasi contatto con la realtà fattuale delle cose”.

Condividi su:

Seguici su Facebook