Partecipa a Pescara News

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Acquisizione del comune di beni immobili sulle aree demaniali, Alessandrini: "Svolta strategica per la città

Condividi su:

Sì del Consiglio alla delibera per l'acquisizione da parte del Comune e a titolo non oneroso di beni immobili appartenenti al patrimonio disponibile dello Stato. Il Comune lo scorso 20 aprile aveva fatto richiesta di acquisire alcuni beni all'agenzia del Demanio quali:  l'ex campo di tiro a segno di Madonna del Fuoco; un appartamento uso ufficio in via dei Mille ex CONI; l'ex ENAIP lungo la Riviera nord; l'ex scuola Muzii in via Caduti del Lavoro; l'area utilizzata a parcheggio sul lungomare Cristoforo Colombo e l'ex alveo di Fosso Grande in via del Circuito. Il passaggio in Consiglio Comunale formalizza la volontà dell'Amministrazione di acquisire  beni che destinerà a finalità pubbliche.

 

"Oggi abbiamo messo il sigillo su una serie di beni immobili da parte dell'agenzia del Demanio al Comune  - illustra il sindaco Marco Alessandrini - Sono tutte aree strategiche che l'Amministrazione intende restituire alla città. La finalità sarà infatti pubblica, i progetti che le animeranno  rifletteranno la naturale vocazione di alcune di esse e ci consentiranno di promuovere politiche sostenibili in tema di verde urbano, cultura, mobilità, sociale.

Un'opportunità che è stata colta appena si è presentata, con la riapertura dei termini del Decreto Mille Proroghe la cui scadenza è a fine anno 2016. Abbiamo voluto anticipare i tempi, tant'è che già a metà aprile avevamo già attivato gli uffici e formulato la richiesta a cui l'Agenzia ha risposto con decreto lo scorso 20 giugno. Ora è in via di definizione la procedura di spostamento dei cespiti acquisiti e della loro valorizzazione".

 

"La riacquisizione è stata fatta in tempi davvero rapidissimi – aggiunge l'assessore al Patrimonio Veronica Teodoro – Dopo la partecipazione al bando per la trasformazione del Ferrhotel in una struttura a servizio del polo universitario per cui aspettiamo i tempi ministeriali, possiamo tornare a ragionare in modo positivo e attivo su alcune aree strategiche della città e sottrarle al degrado e all'inutilizzo. Si tratta di aree di valore che verranno rivitalizzate e riconsegnate alla comunità. Ora lavoreremo sul futuro di questi luoghi, cercando di stringere i tempi per il recupero"

 

Condividi su:

Seguici su Facebook