Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'assegnazione delle case popolari a Pescara è ferma per colpa di D'Alfonso

Condividi su:

“La Commissione Provinciale Erp di Pescara è scaduta lo scorso 28 febbraio e da un mese e mezzo Comuni e Ater non possono procedere con l’assegnazione degli alloggi, né con le mobilità né con le semplici volture a famiglie in lista d’attesa. Tutto fermo semplicemente perché il Governatore della Regione Abruzzo D’Alfonso ha inspiegabilmente avocato a sé la nomina della nuova Commissione, ma poi ha ingiustificatamente congelato tutto, bloccando di fatto ogni attività. Sulla vicenda il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri presenterà una interrogazione formale, ma nel frattempo chiediamo anche al sindaco Alessandrini di farsi portavoce di una condizione di malessere dei cittadini attraverso un documento di protesta ufficiale nei confronti del Presidente D’Alfonso”.

Lo ha annunciato il Capogruppo di Forza Italia al Comune di Pescara Marcello Antonelli.

“A quanto pare nel settore dell’edilizia popolare di Pescara non può muoversi foglia se D’Alfonso non lo vuole – ha commentato ironicamente il Capogruppo Antonelli -, almeno così pare si possa dedurre dagli ultimi atti del Governatore d’Abruzzo. In ogni provincia esiste infatti uno strumento fondamentale, la Commissione Erp – Edilizia Residenziale Popolare, che essenzialmente si occupa della predisposizione dei bandi, delle procedure di eventuali sanatorie e, cosa ancora più importante, delle assegnazioni degli appartamenti che, di volta in volta, si liberano da inquilini. Si capirà bene quali enormi responsabilità hanno i componenti della Commissione Erp, chiamati al rispetto rigoroso e imparziale delle normative e delle liste d’attesa, una sorta di ‘garanti’ per gli stessi Comuni e per le Aziende Ater. La legge regionale numero 38 del 24 novembre 2016 stabilisce all’articolo 15 che, le Commissioni, ad eccezione dei Presidenti che si intendono confermati, devono essere ricostituite entro il 28 febbraio 2017. A oggi sono trascorsi ben 44 giorni dalla scadenza e il Governatore D’Alfonso, che ha assorbito le funzioni di nomina dei nuovi componenti della Commissione Erp, non ha ancora provveduto all’individuazione dei nuovi membri, determinando, di fatto, il blocco di ogni tipo di attività da parte delle Ater e dei Comuni. A farne le spese, ovviamente, sono i cittadini, a partire dalle famiglie che magari sono ai primi posti in classifica, spesso dopo attese di anni, per vedersi assegnare un alloggio e all’improvviso vedono fermarsi gli slittamenti della graduatoria per i capricci di un Governatore che ha deciso di congelare le nomine. Ovviamente tutto questo avviene nel silenzio complice del sindaco Alessandrini e del Presidente Ater Basile, che pur conoscendo bene le problematiche del caso, si sono ben guardati dal denunciare pubblicamente questa vergognosa situazione di impasse che non può essere tollerata ulteriormente. Sul tema verrà depositata subito un’interrogazione in Consiglio regionale da parte del Capogruppo Sospiri, ma nel frattempo riteniamo – ha aggiunto il Capogruppo Antonelli – che anche il sindaco Alessandrini debba trovare il coraggio di fare la voce grossa con il Governatore D’Alfonso per tutelare gli interessi e i diritti dei cittadini che amministra. In caso contrario, dinanzi al suo protratto silenzio, tutta la città saprà trarre le proprie conseguenze”.

Condividi su:

Seguici su Facebook