Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Sospiri invita Alessandrini a fare un giro insieme per vedere se è davvero migliorata la qualità della vita

| di Forza Italia Abruzzo
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

“Dire che la qualità della vita a Pescara ‘decolla’ quando parliamo di una città piombata al 102° posto per sicurezza e ordine pubblico significa, da parte del sindaco Alessandrini, non solo mentire, ma prendersi gioco dei cittadini e offendere la nostra intelligenza. È evidente che quella propinata dal sindaco Alessandrini è una classica ‘fake news’, una notizia semplicemente falsa, distorta e strumentalizzata ai propri scopi propagandistici. E questo non lo permettiamo: anziché crogiolarsi in una dimensione alternativa rispetto alla realtà, sui terrazzi dei palazzi istituzionali, invitiamo il sindaco Alessandrini a farsi un giro con noi per le strade di quella città che in tre anni e mezzo è riuscito a spegnere, a mortificare, a degradare. Gli basteranno due passi nel mondo reale per rendersi conto dell’assurdità delle sue affermazioni e magari a trarne le debite conclusioni”.

È il commento del Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri all’ultimo sondaggio sulla qualità della vita a Pescara diffuso dal sindaco Alessandrini.

“Ovviamente una divulgazione pro domo sua e spiccatamente parziale quella del sindaco Alessandrini – ha sottolineato il Capogruppo Sospiri – che ha urlato urbi et orbi l’8° posto occupato da Pescara per cultura e spettacoli, dimenticando di dire quanti soldi pubblici vengono spesi ogni anno nel settore, tra contributi a pioggia e pseudoconcertoni pagati dai pescaresi: dai 40mila 400 euro per un festival letterario organizzato da un privato ai 50mila euro del concertone del Primo Maggio, sino ai 100mila euro per mettere le luminarie natalizie in centro. Spese irriverenti se pensiamo alle centinaia di pescaresi che hanno perso il lavoro, che si ritrovano con un parente gravemente malato e non possono permettersi un’assistenza privata o alle famiglie monoreddito che non possono neanche mangiarsi una pizza al sabato sera, famiglie in attesa delle briciole stanziate sul capitolo del Pronto intervento sociale e che pregano ogni giorno di non vedersi recapitare la bolletta del metano o della luce non potendola pagare. Alla faccia di quelle famiglie il sindaco Alessandrini spende ogni anno centinaia di migliaia di euro per feste e festarelle, anziché investire quelle risorse sulla qualità delle acque del mare, ovvero su quella che è la carta vincente naturale per il turismo pescarese, la balneazione. Ma c’è di peggio, perché nella sua divulgazione sui social il sindaco Alessandrini ha dimenticato un dettaglio che tanto piccolo non è: se Pescara è infatti l’ottava città italiana per eventi di spettacolo, Pescara è anche la città piombata al 102° posto della stessa classifica per giustizia, sicurezza e ordine pubblico. Che è quello che continuiamo a ripetere alla giunta Alessandrini da tre anni e mezzo: Pescara è una città dove non c’è più sicurezza, dai parcheggiatori abusivi che tampinano gli automobilisti senza alcun controllo agli ambulanti abusivi che tappezzano di mercanzia, indisturbati, il lungomare e le vie del centro, dall’invasione di presunti profughi, liberi di vagare sulla città a ogni ora del giorno e della notte a intere zone del territorio abbandonate alla prostituzione, allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla microcriminalità, e non parliamo di Villa del Fuoco o di via Caduti per Servizio, ma di zone centrali come piazza Santa Caterina o anche della strada parco. Non un euro è stato investito sulla sicurezza, non un euro sull’incremento degli impianti di videosorveglianza, non un euro sul potenziamento della Polizia municipale, non un euro sul completamento della Caserma dei Carabinieri che avrebbe portato a un rafforzamento dell’Arma in termini numerici. Oggi Pescara non è una città tranquilla, dove è possibile trascorrere serenamente la propria permanenza e la responsabilità è interamente di un sindaco Pd che non è stato capace di garantire la sicurezza dei propri cittadini. Se il sindaco Alessandrini pensa di poter smentire quella classifica – ha aggiunto il Capogruppo Sospiri – gli lanciamo la sfida: venga a fare un giro con noi nelle vie del degrado, gli mostreremo come ha trasformato in peggio Pescara”.

Forza Italia Abruzzo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK