Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Terminato l'asfalto sulla riviera sud che torna torna transitabile a doppio senso

Condividi su:

"Mentre è stato riaperto il primo tratto della riviera nord, arrivano buonissime notizie anche dal cantiere della riviera sud dove sono terminati gli asfalti e dalle 16 di oggi è stata riaperta la circolazione a doppio senso.

Dopo cinque giorni di lavoro, è conclusa la posa di asfalto nel tratto di riviera sud compreso tra Fosso Vallelunga e il confine con Francavilla. L'arteria sarà così nuovamente transitabile a doppio senso di marcia. Entro i prossimi 10 giorni verrà eseguito anche il lavoro di rifacimento della segnaletica orizzontale su tutto il tratto di strada.

Ricordiamo che si tratta di un intervento dell'importo di 1 milione di euro, cominciato già un anno fa, che ha riguardato soprattutto lavori anti allagamento: con la posa di una condotta di acque bianche del diametro di 1.000 mm in alcuni tratti e di 800 in altri, posta al centro sotto la carreggiata stradale e il collegamento della pompa di sollevamento situata vicino a via Celommi a fosso Vallelunga, per fare defluire le acque piovane. È un lavoro che ha già dato prova di funzionare, eliminando allagamenti storicizzati negli anni e di cui la zona soffriva. Una situazione che non si è più verificata, neanche con i forti acquazzoni dell'inizio della primavera, cosa che ci rende davvero felici.

Gli asfalti vengono posti oggi perché era necessario che il lavoro eseguito si assestasse e quindi che la carreggiata stradale fosse più sicura e stabile, in modo da poter essere anche più duratura nel tempo. È un lavoro che ci consente di restituire alla città la riviera sud transitabile nuovamente a doppio senso di marcia, oltre che più sicura e bella.

Voglio ringraziare tutta quanta la cittadinanza residente nella zona e le attività commerciali, che hanno assistito con collaborazione e pazienza all'esecuzione dei lavori, adeguandosi ai disagi conseguenti, specie in questi ultimi 5 giorni, a fronte di un lavoro che era previsto inizialmente della durata di due settimane".

Condividi su:

Seguici su Facebook