Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Parte oggi il cantiere in via Regina Elena. Divieto di sosta e fermata ma non transito

| di Ufficio stampa Comune di Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

"Dopo via Caduta del Forte e la segnaletica in via Firenze, sono partiti oggi anche i lavori di riqualificazione del primo lotto di via Regina Elena e del tratto di Corso Umberto fino a Piazza Primo Maggio. Inizieranno dal tratto lato mare compreso tra via Mazzini e Piazza Salotto. Sarà un lavoro che cambierà in meglio uno dei luoghi storici delle passeggiate dei pescaresi. La via cambierà del tutto look con il marmo bianco di Carrara, altro impiego delle lastre rimosse dalla facciata del Tribunale, ci sarà più spazio per i tigli e i lecci presenti sulla via e un unico piano stradale che abbatterà davvero tutte le barriere architettoniche fino ad oggi presenti sulla strada, queste le scelte fatte per la città.

Da domani si appronterà il cantiere e ciò comporterà il divieto di sosta e fermata, ma non il transito che sarà consentito lavorando in progress. I lavori saranno realizzati dalla Gi.Do.Gi. dell'Aquila.

Si tratta di un progetto già presentati e ampiamente condiviso con residenti e commercianti della zona, i lavori dureranno 120 giorni e restituiranno praticabilità, eleganza e luce alla zona. Si tratta, ci preme sottolinearlo, di un intervento sostenibile sotto più punti di vista: perché riqualifica una parte di città che aveva bisogno di manutenzione e messa in sicurezza delle utenze deboli e rispetta l'ambiente e la mobilità di tutti i suoi fruitori, perché il livello viene sopraelevato e portato all'altezza di quello di piazza della Rinascita.

Uno dei problemi più grandi della via, le irregolarità dovute agli apparati radicali degli alberi presenti, verrà così affrontato e risolto in modo sostenibile con la creazione di aiuole più ampie sotto tigli e lecci, al posto degli angusti cassoni di cemento diventati un pericolo a causa delle condizioni in cui versano. Gli spazi verdi triplicheranno e la via diverrà un luogo aggregante, di incontro, di partecipazione e di shopping che con il marmo bianco trattato per la pavimentazione si riconnetterà anche architettonicamente con la Nave di Cascella, che finalmente approderà in città con questo prolungamento del marmo fino a piazza della Rinascita e vi si congiungerà con il suo carico di progetti ed energie di cui il Maestro Cascella l'ha fornita. 

E' un progetto green, proprio perché liberiamo i tigli dai vasi che fino ad oggi costringono le loro radici, trasformandosi in un pericolo per i pedoni e li ricolleghiamo a terra in modo che possano prendere acqua e le radici non si inarcheranno più".

Ufficio stampa Comune di Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK