Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Carenza di acqua, Striscia la Notizia torna a Pescara

la redazione
Condividi su:

Striscia La Notizia, il noto programma satirico ha fatto tappa a Pescara. La questione che spinto il programma di Mediaset per venire in Abruzzo è la mancanza di acqua nelle case dei resedenti non solo pescaresi ma anche della provincia di Chieti.

"Capitan Ventosa", l'inviato di Striscia la Notizia, si è recato all'interno della casa di una cittadina di Pescara, che ai microfoni del tg ha spiegato:

"Non sappiamo perché non c'è acqua. Manca dal primo giugno dalle 7:30 della mattina alla mezzanotte. Diciamo che la pressione vera e propria torna verso le 2:00 di notte. In queste situazioni come abbiamo fatto? Utilizzando le bottiglie dell'acqua, le riscaldiamo per lavarci e utilizziamo le brocche dentro la doccia come nel Medioevo.

Quest'anno l'Abruzzo è veramente messa male. Chieti, Pescara, Montesilvano, Francavilla al Mare e Silvi ma anche attività commerciali che non possono lavorare.

Dicono che il problema sia la mancanza di risorse, invece l'Abruzzo è ricca di risorse ed il problema è anche la rete colabrodo, perchè nelle rete di Pescara c'è una perdita che va dal 47% al 50%. In provincia di Chieti la perdita è ancora più alta, sopra il 60%."

Successivamente Capitan Ventosa si è recato presso la sede dell'ACA, la società che gestisce la fornitura di acqua. Queste le dichiarazioni del presidente Giovanna Brandelli:

"Oggettivamente il 2021 è un anno in cui l'acqua manca, più del 20% di consumo per il Covid. Abbiamo un problema generale delle reti. Il gestore idrido dovrà intervenire per la perdita di acqua. Sicuramente dobbiamo fare questa distrettualizzazione per il rifacimento delle reti. 

Dobbiamo completare un intervento per aumentare il prelievo di risorsa da una nostra sorgente principale. La logica che vogliamo perseguire è quella di non aprire altri punti demungimento ma non di perdere l'acqua che abbiamo ed è la logica sostenibile dal punto di vista ambientale.

CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO

Condividi su:

Seguici su Facebook