Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Concerto del Colibrì Ensemble al Circus

Condividi su:

Si è tenuto ieri sera al Circus, il concerto del Colibrì Ensemble, orchestra locale che si propone di realizzare eventi, concerti a fini umanitari, di solidarietà e di utilità sociale devolvendo in beneficenza parte degli incassi dei biglietti. Collabora con importanti enti quali la Croce Rossa Italiana, l’UNICEF,  l’Associazione Italiana contro le Leucemie e l’Ospedale Santo Spirito di Pescara.
Il Colibrì Ensemble nasce sul territorio per colmare la lacuna pescarese della mancanza di una propria orchestra cittadina. A tale scopo ogni anno realizza a Pescara una propria stagione di concerti, eseguendo un repertorio che spazia dalla musica barocca a quella contemporanea.
Questo progetto artistico nasce dall’Associazione Libera delle Arti di Montesilvano nel 2013.
Il Colibrì Ensemble si definisce la nuova “Orchestra da Camera di Pescara” ed è composta da 30 musicisti, prevalentemente abruzzesi o legati all’Abruzzo, approdati ad importanti realtà nazionali ed internazionali, tra le quali l’Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, il Teatro Comunale di Bologna, la London Philharmonia, i Solisti di Pavia, l’Orchestra da Camera Italiana di Salvatore Accardo, il Teatro alla Scala di Milano, l’Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma, il Teatro Regio di Torino, l’Orchestra Mozart di Claudio Abbado, l’Orchestra Cherubini di Riccardo Muti.
La particolarità di quest’orchestra è l’assenza di un direttore ufficiale, in virtù dello spirito di collaborazione ed ascolto reciproco tra gli orchestrali. Sono loro stessi che dirigono e suonano contemporaneamente, affidandosi di volta in volta ad uno di loro per la guida congiunta degli elementi a fiato, a percussione, a corda ed ad archi. Ieri sera è stato il Maestro Stefano Ferrario a condurre il Colibrì Ensemble, alternandosi nelle sue esecuzioni con il violino. Protagoniste della serata sono state le opere dei compositori Max Bruch ( 1838-1920) e Joseph Maurice Ravel (1875-1937).
Anche questo evento dimostra come sia fondamentale che la città si nutra di proprie compagini artistiche per poter sviluppare in modo armonioso le attività culturali locali e permettere a Pescara di spiccare il volo come un colibrì.

Condividi su:

Seguici su Facebook