Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

#FLA2014 - Marco Taddei e Simone Angelini presentano il libro "Altre storie brevi e senza pietà"

Condividi su:

In occasione della XII edizione del Festival delle letterature dell’Adriatico, tra gli appuntamenti previsti per il giorno di apertura, giovedì 6 novembre, al circolo Aternino di Pescara c’è stata la presentazione del libro “Altre storie brevi e senza pietà” dei fumettisti Marco Taddei e Simone Angelini; un lavoro si presenta come una raccolta di dieci piccole storie di vita raccontate attraverso delle vignette.

Durante la presentazione del loro lavoro, Taddei e Angelini utilizzano un linguaggio snello e pulito, mantenendo un atteggiamento socievole e uno stile colloquiale che attrae la platea presente al circolo culturale.

Il loro libro è però tutt’altro che semplice da interpretare. Dal punto di vista del genere narrativo, infatti, è difficile inserirlo in una categoria specifica.

Dietro le rappresentazioni surreali e le vicende che si susseguono l’una dietro l’altra, destabilizzando continuamente il lettore pagina dopo pagina e creando un’atmosfera  di attesa e stupore di fronte ad ogni scenario rappresentato, in realtà c’è una denuncia allo stile di vita della società odierna.

La particolarità delle storielle rappresentate è che i personaggi vengono volutamente fatti galleggiare sull’orlo di un abisso.

I temi dei piccoli racconti sono tra i più vari ma uniti da un sottile filo surrealista: da un mondo invaso dai gatti alla crudele morte dell'ultimo dinosauro sulla terra, fino all'uomo che bevendo l'ennesimo Campari ignora il messaggio di aiuto inviatogli da un altro mondo tramite un piccolo omino apparso nella sua bocca.

Taddei ci conduce inoltre all’inferno, popolato da demoni crudeli e da dannati obbligati a lavorare e a soffrire per l’eternità.

Filo conduttore dei vari lavori presentati durante il Festival delle letterature dell’Adriatico è proprio la denuncia del disagio sociale del nuovo millennio.

Basta leggere poche pagine per capire che il mondo infernale evocato dallo sceneggiatore non è altro che la metafora della società contemporanea con gli individui obbligati a faticare per giungere  a stento alla fine del mese e oppressi da tasse e bollette da pagare.

Le illustrazioni dei due artisti si collocano a metà tra il comico e il grottesco,oscillando  tra situazioni normali e surreali.

Altre Storie Brevi e Senza Pietà è interessante e vale la pena prenderlo in considerazione.

Se non altro, si differenzia dalle proposte fumettistiche degli ultimi tempi e già solo per questa ragione andrebbe lodato.

Il lavoro è rappresentato in modo eccellente, i due autori infatti riescono nell’intento di trasferire il loro linguaggio nel fumetto realizzando vignette caratterizzate da grande dinamicità grafica.

Condividi su:

Seguici su Facebook