Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

WOO: il giornale che sollecita in mezzo metro quadro

| di Luca De Cristofaro
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Se sai come una cosa sarà tra cinquant'anni, vuol dire che sei in grado di realizzarla adesso”, è una citazione di Louis Isadore Kahn, architetto statunitense del secolo scorso, che nel ’69, pronunciò in una conferenza alla Rice University di Houston, Texas, rivolgendosi ad un team di scienziati.

I ragazzi di “WOO_mezzometroquadro”, ne hanno fatto il loro ‘grido di guerra’, da più di un anno, con l’intento di ‘sollecitare’ (traduzione del termine ‘woo’) gli studenti dell’Università “G. D’Annunzio” Chieti-Pescara, per la discussione di temi interni ed esterni al mondo universitario. Il tutto in mezzo metro quadro, dimensioni del format pieghevole del giornale.  

WOO, è uno spazio cartaceo gestito dagli studenti dei dipartimenti di Architettura e InGeo (Ingegneria e Geologia, ndr) della D’Annunzio. In uscita, domani, 28 gennaio, con il terzo numero che sarà possibile ritirare nel corridoio centrale dell’università di viale Pindaro.

WOO, è promotore di un progetto culturale, finanziato dai fondi per le attività culturali e sociali degli studenti della D’Annunzio, finalizzato, dalla prossima pubblicazione, alla redazione di sei numeri cartacei del giornale. Ad oggi, le uscite sono state quattro (compreso il numero zero), in aggiunta a un numero speciale. 

Nel numero ‘fresco di stampa’ sono state raccolte testimonianze dai docenti che hanno insegnato nell’ex facoltà di Architettura di Pescara e InGeo, attuali dipartimenti.

Identity è il tema editoriale scelto, in modo da poter ricostruire un DNA, una storia, un frammento, grazie a chi ha contribuito a plasmare l'identità della nostra realtà accademica”, ha commentato la ‘WOO_redazione’, che, ha aggiunto: “più che chiamarlo giornale, amiamo definire WOO come uno ‘spazio’, spazio che diviene terreno comune sui temi affrontati, aprendo un dialogo con studenti, docenti, professionisti del mondo dell’architettura, dell’ingegneria e della geologia”.

Da segnalare, inoltre, nel curriculum di WOO, la collaborazione con la rivista Domus, che ha visto parte della redazione pescarese divenire reporter per la rivista di architettura, in occasione del “Salone del Mobile 2014” e della “Biennale di Venezia”, e successivamente raccontare l’esperienza sul numero 981 del ‘rotocalco’ diretto da Nicola di Battista.

Luca De Cristofaro

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK