Lavori nella Golena Nord, nel sottosuolo un'area archeologica ma nessuno interviene

La denuncia di Alessio Consorte: " Potrebbero esserci magazzini romani" "

| di Sara Gerardi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Procedono spediti i lavori per il disinquinamento del fiume nel tratto della Golena Nord, se non fosse per la denuncia inoltrata da Alessio Consorte, il regista del docu-film il Taghettatore, sostiene che nel tratto dove è situato il circolo "La Canottieri", potrebbero trovarsi reperti archeologici di epoca romana.

"Ho inoltrato due segnalazioni circa questa rilevante scoperta da me effettuata, grazie all'utilizzo di un Georadar che ha confermato l'esistenza di scavi romani,  dal ponte di ferro a circa un metro dal fiume- dichiara Consorte- il problema è che entrambe sono state ignorate. La prima è stata effettuata il 27 Marzo alla Guardia di Finanza che l'ha girata alla Sopraintendenza, la seconda a Maggio, al Presidente del consiglio comunale Blasioli"

Secondo il regista pescarese, la ditta incaricata dal comune che si occupa dei lavori non sarebbe al corrente degli scavi romani presenti in quel tratto. Con il prosieguo dei lavori, le trivellazioni effettuate sopra questi ultimi andrebbero a distruggere il patrimonio storico e culturale della città e a contaminare i reperti archeologici eventualmente sotterrati.

Secondo lo stesso Consorte da quanto appreso dagli operai del cantiere, lavori dovrebbero interessare il tratto dei Canottieri dalla prossima settimana. Nel sottosuolo potrebbero trovarsi magazzini romani, inoltre c'e la presenza di grossi dislivelli del fondo del Fiume che vanno a formare mulinelli.

Il presidente del Circolo "La Canottieri" Luca Nicolaj, ai nostri microfoni dichiara la sua totale apertura per consertire il ritrovamento archeologico: " Sono disposto a mettere a disposizione della città un escavatore a titolo gratuito e la draga, per consentire i lavori di scavo".

Il regista inoltre ci svela che i pilastri del ponte D'annunzio poggiano su strutture romane, e  nelle profondità del fiume sono state scoperte delle arcate. 

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK