Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Bussi. Bagarre Solvay: "Il Prc s'impegni a far ritirare le querele”

| di Doriana Roio
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Contrariamente a quanto sostenuto da Rifondazione Comunista, in questo anno e mezzo di governo regionale, grazie all'impegno di Sel a tutti i livelli e al Sottosegretario con delega all'ambiente e Capogruppo Sel Mario Mazzocca, stiamo affrontando con determinazione tutte le problematiche della bonifica e della re-industrializzazione del sito di Bussi e tutte le fortissime criticità ad esso connesse.

Sull'argomento Mazzocca dichiara: “È soprattutto grazie al nostro impegno e al nostro impulso nell'esecutivo regionale che si stanno recuperando gli enormi ritardi accumulati negli anni passati ed affrontando con determinazione la definizione di progetti organici sia per l'emergenza ambientale che per la risposta in termini occupazionali. Grazie a questa determinazione oggi sussistono le condizioni per dare avvio ad un percorso che potrà condurre verso una positiva soluzione della questione Bussi.”

E' di alcune settimane fa la notizia che il Ministero dell’Ambiente ha dichiarato l’impossibilità di condividere la bozza dell’accordo di programma per la bonifica e la messa in sicurezza del Sin di Bussi predisposta dall’amministrazione comunale guidata dal Sindaco La Gatta. I motivi sono stati esplicitati in modo chiaro a partire dall’accordo di programma che era stato proposto, al quale non potevano partecipare i soggetti privati e ciò ha avuto riflessi inevitabilmente sulle disposizioni dell’accordo che ne presupponevano la partecipazione; come pure ci sono state altre criticità riguardanti anche la disciplina della riperimetrazione del sito e chi sosteneva gli oneri di gestione dell’impianto Taf decorso il termine indicato dei sei anni.

Prendiamo atto che sulla questione di Bussi, dopo un lungo e assordante silenzio, la posizione di Rifondazione Comunista è simile a quella del Sindaco, anche sul tema della presa in disponibilità delle aree inquinate. Noi, ora come in passato, siamo pienamente disponibili ad un confronto pubblico che potrà essere avviato, ovviamente, non appena il sindaco avrà provveduto a ritirare querela.

Sull'argomento, interviene anche Antonio Saia (PdCI) : ”Dopo aver appreso con sorpresa e con vivo rammarico le querele fatte dal Sindaco di Bussi e le motivazioni che lo hanno indotto a sporgerla, osservo il fatto che la reazione del Sindaco mi pare spropositata rispetto a una forte critica politica ed un fermo dissenso rispetto alla soluzione che l'Amministrazione aveva proposto per il problema annoso dei siti inquinati di Bussi e della riconversione industriale degli stessi. Quando ci si candida, inevitabilmente ci si espone a consensi e severe critiche. In tal senso mi sento di chiedere a Salvatore Lagatta di ritirare la querela, anche per evitare che si continui ancora a lacerare questa nostra Sinistra già troppo martoriata dalle continue divisioni e diatribe interne che molto spesso hanno a che fare più con personalismi che con vere e proprie questioni politiche”

Concludiamo ribadendo la piena solidarietà e il sostegno alla consigliera comunale Sonia Del Rossi, al Coordinatore Prov.le Pdci Pierpaolo Di Brigida e al Coordinatore Prov.le Sel Daniele Licheri, che certamente non si lasceranno intimidire dalle querele e dalle azioni del Sindaco e continueranno con il pieno appoggio nostro a lavorare con maggiore determinazione.

 

Coordinamento politico S.E.L. Abruzzo

Coordinamento P.d.C.I. Abruzzo

 

Doriana Roio

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK