Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Salvataggio a sorpresa sugli scogli di Pescara

Di fronte allo stabilimento Jambo di Pescara un cane viene salvato sugli scogli

| di Ileana Barigelletti
| Categoria: Cronaca | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Nonostante il divieto dell’uso dei classici botti di fine anno, a Pescara non è stata rispettata alcuna ordinanza, come si può notare dalle richieste di aiuto di alcuni proprietari di cani che denunciano la scomparsa dei propri amici a quattro zampe.

Molto probabilmente si potrà imputare a questa mancanza di rispetto uno strano episodio accaduto stamani sulla spiaggia nord del capoluogo di provincia, all’altezza dello stabilimento balneare Jambo. Il litorale si stava riempiendo ben presto di gente che, approfittando della meravigliosa giornata di sole del primo gennaio, come buon auspicio per fare movimento anche tutto l’anno, passeggiava o correva tranquillamente. Però un particolare stava preoccupando qualcuno che, rivolto lo sguardo verso gli scogli, scorgeva una sagoma di un cane seduto su una roccia che a volte alzava la testa verso l’alto ululando (anche se il suono del mare non permetteva di udire il verso del cane, ma chi conosce i cani sa che in certi atteggiamenti l’animale non può che richiedere attenzioni perché in pericolo).

Così, con un semplice cenno fra i passanti, non è stato difficile formare un gruppetto di persone che si sono subito date da fare chiamando la Guardia Costiera, i Vigili del Fuoco e qualche Ente della protezione animali. La paura che serpeggiava tra chi si era preoccupato del povero malcapitato tra le rocce, era che il cane fosse preoccupato per il suo padrone che forse era rimasto ferito o annegato e che quindi non lo volesse abbandonare. Essendo trascorsa la notte dell’ultimo dell’anno, ci si poteva aspettare qualsiasi prodezza da chiunque….

Intanto però i soccorsi tardavano ed il capannello di gente cresceva mano a mano.

Chi non crede agli angeli custodi dirà che si è trattata di una pura coincidenza, anche se con una probabilità pari allo zero per cento, ma ad un tratto è arrivato un signore in costume da bagno, il classico straniero del nord Europa che, all’oscuro di ciò che stava accadendo, incurante dell’essere il primo gennaio, stava tranquillamente per scendere in acqua quando è stato subito avvisato di ciò che accadeva sugli scogli vicini e quindi è stato invitato a controllare l’accaduto.

C’è da dire che per quanto è lunga la riviera nord di Pescara nessuno avrebbe potuto sperare che un simile temerario scegliesse di farsi il bagno a quell’ora ed esattamente in quel posto!

Come si potrà osservare dalle fotografie, il nostro eroe ha riportato persino in braccio il povero cane sino alla riva. Con grande sollievo non vi era nessun padrone in pericolo in acqua o sugli scogli. Il cane, molto probabilmente, questa notte si sarà talmente spaventato per i petardi da essere fuggito all’impazzata senza nemmeno accorgersi di dove si stava dirigendo.

Tutto è bene ciò che finisce bene, dice qualcuno, ma per il nostro straniero eroe la sua nuotata è stata interrotta poi dall’arrivo della Guardia Costiera che, in ritardo per il salvataggio, è arrivata però in tempo per vietare all’aitante nuotatore di superare a nuoto gli scogli!   

Ileana Barigelletti

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK