Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Finanzieri sequestrano 100000 pop socket privi di certificazioni di sicurezza

| di Ufficio stampa Guardia di Finanza Pescara
| Categoria: Cronaca | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara, nell’ambito delle attività volte alla salvaguardia della sicurezza e della salute dei consumatori,nell’ultimo mese hanno sequestrato circa 100.000 prodotti della categoria accessori per la telefonia fra cui i nuovi e cd. “POP SOCKET”.

Trattasi di articoli diffusissimi soprattutto fra le fasce d’età più giovani, consistenti in un pomello in plastica e metalloche si applica sul retro dei cellulari per consentire una migliore presa del telefono tale da rendere più agevole l’effettuazione di foto, filmati amatoriali e, soprattutto, selfie.

Nel dettaglio, a seguito di attività info-investigative, finalizzate a monitorare il commercio di prodotti non sicuri per i consumatori, militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, hanno effettuato controlli mirati presso vari esercizi commerciali presenti a Pescara, gestiti da soggetti extracomunitari, riuscendo a rinvenirne e sottoporre a sequestro numerosi articoli, privi delle prescritte certificazioni in materia di sicurezza dei materiali e mancanti delle indicazioni sulla origine e provenienza.

L’attività delle Fiamme Gialle, a seguito dell’approfondita analisi dei documenti fiscali, ha consentito, inoltre, di risalire aidistributori della merce, di stanza in Campania e nel Lazio e di segnalare alle Camere di Commercio di Pescara, Roma e Napoli nr. 6 persone, per violazioni amministrative,con sanzioni per oltre 150.000 Euro, onchèdi denunciare all’Autorità Giudiziaria nr. 2 cittadini extracomunitari per frode nell’esercizio del commercio.

Oltre 150.000 Euroil valore, alla vendita, della merce sequestrata.

Il colpo inferto dalle Fiamme Gialle di Pescara è solo l’ultimo di una campagna di contrasto posta in essere nel settore della sicurezza dei prodotti, in parallelo con quello del contrasto alla contraffazione di marchi, a conferma della massima attenzione del Corpo verso i fenomeni che nuoccionoall’economia legale, pervenendo al contrasto di tali condotte illecite non solo attraverso il sequestro effettuato nei confronti dei singoli venditori, ma anche ricostruendo l’intera filiera commerciale per individuare i soggetti che li immettono sul mercato.

Nell’ottica di una sempre più proficua collaborazione con i cittadini consumatori, a loro tutela,  i vertici del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, invitano i cittadini a continuare a segnale eventuali anomalie riscontrate su prodotti posti in vendita, ricordando che il personale dei reparti operativi, restano a disposizione per raccogliere le segnalazioni e fornire ogni utile indicazione.

Ufficio stampa Guardia di Finanza Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK