Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Teatro. Arriva a Pescara “Tanos” progetto scenico del regista Stefano Angelucci Marino

| di Teatro Stabile d'Abruzzo
| Categoria: Cultura | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Arriva a Pescara sabato 18 marzo alle ore 21.00 al Piccolo Teatro Guascone,  “Tanos”  progetto scenico, testo e regia Stefano Angelucci Marino, con Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini, maschere Stefano Perocco di Meduna, burattini  Gaspare Nasuto & Brina Babini/Atelier della Luna, musiche originali Giovanni Sabella, scenografia Filippo Iezzi, audio e luci Tony Lioci  

Con grande ironia e semplicità in “Tanos” si racconta degli italiani emigrati in Argentina nel 1950. E’ il racconto di un continuo sogno ad occhi aperti, e del sogno questo spettacolo conserva la struttura ambigua e sfuggente.

“Tanos” è un lavoro teatrale “alimentato” anche dalla scrittura di John Fante: una comicità trafelata e plateale, l’inquietudine visionaria e ispirata, l’attenzione profonda, eppure mai compiaciuta, al mondo degli ultimi- degli immigrati- e chiaramente la scoppiettante presenza dell’ambiente domestico, cioè etnico, come sempre nei romanzi di Fante descritto nel momento della sua implosione, del suo scardinamento a causa delle forze contrapposte che lo abitano, generazionali e culturali.

Domenico e Rosa, giovani sposi, in famiglia sentono scoppiettare l’idioma abruzzese, idioma che tra i componenti del “clan“ rappresenta il mito dell’origine, il rifugio salvifico, l’identità riaffermata, mentre per loro, senza lavoro nel 1950 e pieni di ambizioni, significa solo emarginazione e disprezzo. Inizia così l’avventura di una coppia che costruisce su di sé una visione dell’estero, dell’Argentina come terra da conquistare. Conquistare il successo, un buon lavoro, costruirsi una casa… e farla finita con l’Abruzzo! Da quel momento Domenico con la sua famiglia in Argentina vive tutte le fasi della sua vita nel pieno di una forte contraddizione psicologica, in una specie di lunga crisi d’identità, indeciso tra la spinta all’integrazione piena (cioè verso la piena conquista di una dimensione “nuova“) e la difesa della propria radice autentica, rappresentata dal patrimonio di tradizioni dei genitori, di norma antiquati e fatalmente antagonisti rispetto alle ambizioni dei figli. 

Pochi posti disponibili, prenotazione obbligatoria al n. 340.9775471.
Ingresso € 7,00.

Teatro Stabile d'Abruzzo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK