Il Premio Flaiano piange la morte di Luis Sepulveda ricordando la sua presenza a Pescara nel 1993

Insignito per "Il vecchio che leggeva romanzi d'amore"

| di Ansa Abruzzo
| Categoria: Cultura
STAMPA

Il Premio Flaiano piange la morte di Luis Sepulveda ricordando la sua presenza a Pescara nel 1993.

"La gioia di ieri per McCurry, lascia il posto oggi alla tristezza per la morte del grande scrittore Luis Sepulveda, Premio Flaiano per la narrativa nell'edizione del 1993.

Lo ricordiamo così, e di come lo conoscemmo: "Si aggirava tra la gente un giovane scuro di pelle, con la barba un po' incolta, sorridente e impacciato. Vestiva un abito bianco che lo distingueva ad uno sguardo lontano. Quando prese posto tra i premiati molti si chiesero chi "fosse costui". Il suo nome era Luis Sepúlveda, scrittore cileno dalle grandi speranze. Il romanzo per il quale sarebbe stato premiato di lì a poco, "Il vecchio che leggeva romanzi d'amore".

Più che un romanzo, era un lungo racconto che muoveva da un rapporto tra l'uomo e l'animale, sulle orme di Melville e del capitano Achab. Stavolta l'ambiente era la foresta amazzonica dove un vecchio uccideva una femmina di "tigrillo" in cerca di vendetta".

Ansa Abruzzo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK