Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Gianluca Ginoble in visita al Museo delle Genti d'Abruzzo

"Per me valorizzare l'Abruzzo, la mia terra, è importante", ha detto il cantante de "Il Volo"

| di Ufficio Stampa
| Categoria: Cultura | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

"Per me valorizzare l'Abruzzo, la mia terra, è importante. Lo faccio con la musica e con la voce, ma è un grande orgoglio e un privilegio sapere di aver vicino cose tanto belle, vere opere d'arte":

Gianluca Ginoble una delle tre voci de 'Il Volo' è stato in visita questa mattina, accompagnato dal padre Ercole, dal nonno e dallo zio, al Museo delle Genti d'Abruzzo, un viaggio alla riscoperta delle radici compiuto con interesse e curiosità.

"Sono testimonianze che, per  le persone più grandi, hanno il valore dei ricordi. Sono importanti però soprattutto per i giovani, che devono saperle conoscere e apprezzare, devono scoprirle e tramandarle. Ed è anche compito dei genitori, delle famiglie guidarli lungo questo percorso".

Nella visita Ginoble è stato accompagnato dal vicepresidente della fondazione Genti d'Abruzzo, Luigi Di Alberti, e dalla direttrice Letizia Lizza che lo hanno guidato attraverso teche, reperti e manufatti.

Particolare attenzione, e non poteva essere diversamente, per gli strumenti musicali autoprodotti dai pastori, ma anche per gli attrezzi legati alle produzioni tipiche del territorio, come vini e oli. Sosta incantata anche nella sala delle ceramiche.

"E' stato un piacere notare tanta attenzione e tanto interesse - sottolinea il vicepresidente della Fondazione, Luigi Di Alberti - E' la dimostrazione che la nostra missione di conservazione e tutela dei beni culturali ha ancora importanza non solo per la città, ma per l'intero territorio regionale. ".

Gianluca Ginoble ha approfittato del fermo forzato da Covid per tirare il fiato, concentrarsi sulla sua musica e conoscere la sua terra: tornerà a Pescara, tra qualche tempo, per visitare anche il Museo Cascella. Letizia Lizza, direttrice della Fondazione sottolinea la profondità con cui l'artista si è avvicinato al Museo:

"Ha guardato ogni 'pezzo' con la sensibilità del musicista. E' stato un vero e proprio incontro  tra l'arte e la storia, un arricchimento per tutti noi che lo abbiamo vissuto molto intensamente, grazie anche al garbo di una persona di grande delicatezza d'animo".

All'artista sono stati donati un volume ed un ricordo. Prima di partire, passerella di foto e di autografi con il personale e i collaboratori del museo che lo hanno accolto davvero con molto affetto.

Ufficio Stampa

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK