Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Le dolci tradizioni abruzzesi di Natale: "li caciunetti"

I dolci abruzzesi fatti con le ricette tradizionali di famiglia

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Gusto | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Luciana D'Aprile è una signora che ama le tradizioni abruzzesi. nella sua bella e lunga vita ha voluto sempre proporre le tradizioni abruzzesi per la cucina.

Luciana nasce a Sulmona e dalle ricette della mamma, che conserva gelosamente, prepara pietanze dolci e salate della cucina tradizionale.

Luciana fa parte dell'Accademia della cucina Italiana, ha una piccola azienda, La Dispensa di Luciana, dove produce, con ricette studiate ed elaborate personalmente, ottime conserve.

I classici dolci di Natale sono i famosi "caciunetti" che in ogni famiglia e in ogni attività artigianale, del settore, vengono fatti con ricette classiche.

La ricetta che propone Luciana risale al 1920 ed è una ricetta della mamma che, proprio per l'uso dei ceci nell'impasto, veniva anche chiamata "Cici ripieni".

Ecco l'antica ricetta: per la pasta

1 tazza da latte di olio di oliva
1 tazza da latte di vino bianc0
1 tazza da latte di acqua tiepida
250 grammi di zucchero
1 kg e 1/2 di farina 00

Ecco l'antica ricetta: per il ripieno:

ceci secchi 750 grammi
castagne con la buccia 2 Kg
cioccolato fondente grammi 500
mandorle spellate 300 grammi
zucchero grammi 500
cedro grammi 60.-. cannella grammi 5

Procedimento

sciogliere il cacao in tre bicchieri d'acqua calda, aggiungere lo zucchero, le mandorle tostate e tritate, il cedro a pezzetti, la cannella, infine i ceci e le castagne lessati e passati al  passa verdure.

Impastare gli ingredienti per la pasta, fare una sfoglia sottile e poi riempier con il ripieno raffreddato e friggere. Quando i caciunetti sono freddi spolverarli con lo zucchero.

NOTA
Se si vuole usare per l'impasto la confettura d'uva, chiamata la "scrucchiata", per lo scricchiolio che i semi degli acini dell'uva Montepulciano, rimasti dopo la cottura fanno quando si gusta, per l'impasto basta sostituirla ai ceci.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK