Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sorrisi in città

Riportare le persone al centro della vita cittadina

Condividi su:

Con questo titolo è incominciato un mese di manifestazioni nella città di Montesilvano presso l’area della Parrocchia Sant’Antonio con l’Istituto comprensivo Delfico e il patrocinio del Comune di Montesilvano.

Un mese di cultura e creatività, come ha detto, aprendo la manifestazione, il parroco don Nando, che con questo mese vorrebbe che il sorriso affiorasse, fino a rimanere una costante, sul viso dei suoi parrocchiani e su tutti i cittadini e le persone anche attraverso le manifestazioni che si succederanno dal 2 al 29 giugno.

La prima serata è stata aperta dal Coro Città di Montesilvano Madonna del Carmelo, CME folk di Giulianova e dal gruppo di ballo folkloristico Giuseppe di Pasquale.

Il Coro Città di Montesilvano Madonna del Carmelo ha interpretato alcuni brani della tradizione popolare in dialetto abruzzese ed ha aperto la manifestazione con l’Inno di Mameli in onore della giornata del 2 giugno della Festa della Repubblica Italiana.

Con il classico du botte il cm folk di Giulianova ha mostrato la capacità di interpretazione delle musiche tradizionali e della canzone italiana con brio e maestria.

Il gruppo di ballo folk Giuseppe di Pasquale ha narrato, attraverso la danza, i momenti della tradizione abruzzese fino al ballo del laccio d’amore.

Prima delle esibizioni musicali e canore è stato inaugurato, in via San Francesco, presso “spazio libero” una mostra fotografica, a cura di spaziocomune, Sguardi in città con immagini di archivio storico che riguardano la memoria della città.

Un gruppo di giovani ballerini ha danzato sulle note di musiche moderne e classiche.

Questa manifestazione del 2 giugno ha avuto un grande successo ed è, come scritto nel manifesto di presentazione, di augurio per: Un abitare creativo della città, che riporti al centro, che sorrida al centro. Che crei impulsi e cultura per ricostruire e ritrovarsi nella bellezza dell’incontro.

Condividi su:

Seguici su Facebook