Pignoli: "Abruzzo zona rossa scandalo d'Italia"

Pronta un'interrogazione del Senatore Saccone

| di Redazione
| Categoria: Politica
STAMPA

“Quello che sta accadendo per l’Abruzzo ancora zona rossa non sappiamo ancora per quando è in vero e proprio scandalo nazionale che chiama in causa il Governo.”

Così il capogruppo dell’Udc al Comune di Pescara Massimiliano Pignoli che si rivolge al senatore dell’Udc Saccone che è pronto a presentare una interrogazione parlamentare:

“Quello che sta succedendo alla nostra Regione è inammissibile perché dopo la discesa già da giorni dei positivi e seppur più lentamente dei ricoveri sia nei reparti che nelle terapie intensive, l’Abruzzo resta ancora in zona rossa. Molti dei 21 indicatori, fra cui l’indice Rt. Ebbene,
nonostante questi indicatori da giorni mostrano una situazione in lento ma costante miglioramento, dal Governo non arrivano neanche indicazioni future su un possibile passaggio in zona arancione a poche ore dalla scadenza del DPCM, per cui mi sono rivolto al senatore Antonio Saccone affinché si faccia portavoce verso l’esecutivo giallorosso, i ministri Speranza e Boccia, e in Senato con la presentazione di una interrogazione, affinché all’Abruzzo venga riconosciuta la zona arancione al più presto, permettendo anche alle attività oggi chiuse, di poter tornare a lavorare e non aggravare - spiega Massimiliano Pignoli - una situazione già pesante in tutta la regione e in particolare nella città di Pescara che vive di terziario e di commercio. A tre settimane dal Natale, pur ribadendo la priorità della salute sopra ogni cosa, non possiamo rischiare di far morire la nostra economia”.
 

Redazione

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK