Tamponi gratuiti per fasce di popolazioni sensibili

La proposta del vicepresidente del Consiglio regionale Pettinari

| di la redazione
| Categoria: Sanità
STAMPA

Tamponi antigenici gratuiti alle fasce di categoria più "sensibili". È questa la richiesta del Vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari che ha protocollato una missiva ufficiale indirizzata al Presidente di Regione Abruzzo Marco Marsilio, all'Assessore competente Nicoletta Verì e al Direttore del Dipartimento Sanità Claudio D'Amario.

"Il fine di questa mia proposta – spiega Pettinari – è quello di aumentare e ottimizzare l'azione di sorveglianza e la diagnosi tempestiva dei casi con sintomatologia sospetta per Covid-19 e il conseguente isolamento per evitare la diffusione del virus. La mia proposta interessa le categorie maggiormente esposte al contagio: i minori di età compresa tra i 6 e gli 12 anni, con un massimo di un tampone ogni 15 giorni; i visitatori degli ospiti di RSA (Residenze Sanitarie Assistite), delle RP (Residenze Protette) e delle Case di Riposo; gli operatori e personale delle RSA (Residenze Sanitarie Assistite), delle RP (Residenze Protette) e delle Case di Riposo e Centri Diurni; il personale scolastico, docente, non docente e personale ATA; i cittadini con reddito ISE basso; e infine, le persone che non possono essere sottoposte a vaccinazione per gravi problematiche di salute e che sono in possesso di certificato di esonero.

I tamponi gratuiti per particolari fasce di cittadini, come accade in altre Regioni, dovrebbero essere effettuati presso le farmacie e le strutture sanitarie accreditate. Fino a ora in tal senso ci si è mossi con l'Accordo sancito nella Delibera N. 245/2021 che interessava gli studenti e forniva tamponi antigenici gratuiti. Un accordo ora concluso che però, a mio avviso, dovrebbe essere prorogato e arricchito con le fasce di popolazione interessate dalla mia richiesta. Mi auguro che l'attuale maggioranza regionale a trazione Lega, Fratelli D'Italia e Forza Italia, ponga l'attenzione sulle problematiche che nei prossimi mesi potranno verificarsi a causa delle varianti in atto, delle condizioni meteorologiche, del lavoro in presenza rispetto alla quantità di smartworking del passato e della riapertura delle scuola. Sottoporre a test gratuiti quella parte di popolazione che altrimenti sfuggirebbe al controllo ed alla precoce individuazione del virus è indispensabile per un monitoraggio attento ed efficace della diffusione del virus", conclude.

la redazione

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK