Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Nustalgija Lundane", un canto nostalgico dedicato a chi vive lontano dal luogo natìo

la redazione
Condividi su:

Riceviamo e pubblichiamo un canto delicato e malinconico, che esprime il profondo senso di struggimento nostalgico di chi ha lasciato il luogo natìo ed è immerso in un fascio intricato di emozioni e bisogni affettivi, insopprimibili e contrastati.

La musica e le parole, in perfetta simbiosi, esprimono efficacemente il doloroso ritorno della memoria su luoghi, tempi e persone, il cui recupero è arduo e tormentato, spesso irrealizzabile.

Versi di Lucio Cancellieri, musica di Camillo Berardi video di Luciano Dionisi.

Che notte serene,

la luna è 'n'incande,

li stelle massere

che luce ce fa!

Lu monne già dorme

e sogne a chist'ore,

me porte lu core

ddo' campe mammà.

Rit. Sone llà la piazzette

lu mastre nghe la bande,

pi' fistiggia' lu sande

li bbomme sta a spara',

ji' m'arrubbeje l'amore

mezz'a li morre d'ore

e ancore me ne more...

l'amore me' addo' sta?

Lu vicchie paese

addo' so' crisciute

ddu' case e la chiese

n'ariesce a scurda'.

Su 'n cime a lu monte

è jurne de feste,

tatone s'arveste

se sta a mbrijaca'.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook