Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un bel Pescara ferma il Milan sull' 1-1

Meritato pareggio per i biancazzurri

Condividi su:

Prestigioso pareggio per il Pescara contro il Milan, 1 - 1 il risultato finale, al termine di un incontro giocato a viso aperto da entrambe le squadre. Poco utile, forse, per la classifica di entrambe, ma di grande stimolo per gli uomini di Mister Zeman, in vista dell’ultima chiamata di sabato prossimo a Empoli, per la decisiva sfida che potrebbe regalare l’ultimo sogno salvezza.

Sotto un cielo grigio, ma temperatura primaverile, allo stadio Adriatico, per la direzione arbitrale di Paolo Silvio Mazzoleni della sezione di Bergamo, le due compagini si erano così schierate al calcio d’inizio:

I padroni di casa, con il consueto  4-3-3, schieravano in porta Fiorillo, titolare per la prima volta questa stagione, al posto di Bizzarri, Zampano, Bovo, Campagnaro e Biraghi in difesa, Muntari, il giovanissimo Coulibaly e il capitano Memushaj a centrocampo, Caprari, Bahebeck e Benali sulla linea avanzata.

Il Milan di Vincenzo Montella, “allievo” di Zeman, praticamente speculare al Pescara, con Donnarumma in porta, Calabria, Paletta, Romagnoli e Vangioni difensori, Pasalic, Sosa e Matias Fernandez centrocampisti, Ocampos, Bacca e Deulofeu i tre attaccanti.

La cronaca:

Prima occasione per il Milan con Bacca che al 3’ di gioco colpiva di piatto alla destra di Fiorillo, sfiorando il palo lontano.

Ottimo inizio di gara degli adriatici, che all’11’ passavano clamorosamente in vantaggio. Paletta, nel tentativo di disimpegnarsi della pressione di Caprari, passava la palla in maniera apparentemente innocua a Donnarumma, il quale la lisciava, facendola rotolare lentamente in rete: 1-0.

Immediata reazione rossonera che al 14’, con un tiro da fuori di Sosa, impegnava Fiorillo, però centrale,così il portiere biancazzurro bloccava con facilità.

Convergeva al centro nei pressi dell’area di rigore, al 19’, Bahebeck, che però colpiva alto sopra la traversa milanista.

Al 24’ Biraghi era costretto ad atterrare fallosamente Deulofeu, che si stava involando sulla fascia destra, al limite dell’area, ammonito il difensore biancazzurro.

Continuava a tenere molto bene il campo la squadra di Zeman, che impensieriva costantemente la difesa del Milan, pur senza rendersi eccessivamente pericolosa.

Al 40’ pareggiavano gli ospiti con Pasalic. Imprendibile Deulofeu sulla sua fascia, che entrava in area e con un tiro potente impegnava Fiorillo, ma dalla mischia susseguente alla respinta, scaturiva il goal: 1-1.

Terminava così la prima parte di gara, senza recupero.

Formazioni invariate al calcio d’inizio della ripresa, sotto una leggera pioggia, che però smetteva poco dopo.

Partenza a viso aperto da parte di entrambe le squadre, con il Milan che, dopo un solo minuto, complice la consueta sgroppata dello scatenato Deulofeu, serviva al centro dell’area pescarese, Bacca raccoglieva e tirava a colpo sicuro, ma Bovo si immolava con il corpo per respingere.

Ammonito anche Bovo al 52’ che bloccava una pericolosa ripartenza milanista, dopo un contropiede biancazzurro orchestrato da Benali.

E’ Sosa al 56’ a sfiorare il vantaggio, dopo una fuga sulla sinistra di Vangioni, che serviva al centro dell’area Bacca, il quale faceva da sponda per il suo compagno, ma il tiro finiva leggermente alto all’incrocio sinistro della porta di Fiorillo.

Succedeva un po’ di tutto al 58’. Caprari veniva atterrato fallosamente da Paletta, che veniva ammonito, al limite dell’area milanista. Montella mandava in campo l’applauditissimo Lapadula al posto di Bacca. Sulla posizione successiva tirata da Bovo, la palla sfiorava il palo sinistro di Donnarumma, deviata dalla barriera.

Ammonito anche Coulibaly al 62’ che fermava una pericolosa ripartenza di Lapadula. Stessa sorte, a parti invertite, per Sosa, che atterrava Caprari, involatosi dal centrocampo.

Prima sostituzione anche per il Pescara, al 66’ toccava a Bruno prendere il posto di uno stanco Muntari.

Locatelli, secondo cambio di Donadoni, al 70’ sostituiva Sosa.

Benali al 73’ si inseriva in area milanista, spostandosi a sinistra colpiva la palla che veniva deviata con qualche difficoltà da Donnarumma in angolo. Un minuto dopo anche Memushaj veniva ammonito.

Al 76’ doppio cambio: per il Pescara Cerri prendeva il posto di Caprari, mentre l’ultimo del Milan era per Kucka al posto di Fernandez. Si riprendeva il gioco e anche Locatelli veniva ammonito.

All’ 81’ grande parata d’istinto di Fiorillo con i piedi, su tiro dal limite dell’area piccola di Lapadula.

Ammonito Bruno all’ 85’ per un fallo di frustrazione su Lapadula. Ultimo cambio della partita, con Milicevic al posto di capitan Memushaj, subito dopo.

Clamoroso palo di Romagnoli all’86’ di testa sul cross successivo al calcio di punizione per il fallo sopra descritto, alla destra di Fiorillo, che nulla avrebbe potuto fare per evitare la rete. Premeva con insistenza il Milan alla ricerca del vantaggio.

Ci provava però anche il Pescara, con un cross dalla sinistra di Bahebeck all’ 88’raccolto di testa da Benali, che ben contrastato spediva fuori alla sinistra di Donnarumma.

Mischia furibonda in area pescarese al 93’, Lapadula tirava da dentro l’area piccola sulla sinistra di Fiorillo, si immolava Campagnaro e la palla terminava in angolo.

Dopo cinque minuti di recupero l’arbitro fischiava la fine. Qualche statistica di seguito:

65% di possesso palla per il Milan. 21 tiri, di cui 13 verso la porta, per i rossoneri, contro i 9, di cui 4, per i biancazzurri. 6 a 5 per gli ospiti i calci d’angolo.

Condividi su:

Seguici su Facebook