Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Sì del Coni all'affidamento di 150.000 euro al Parco dello Sport

Blasioli e Di Pietro: "Un'area attesa, attrezzata e interamente fruibile. Sarà il parco più sicuro della città per la vicinanza alla caserma"

| di Ufficio stampa Comune di Pescara
| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Procede fiducioso verso il placet di giugno da parte del Coni l'iter di realizzazione del progetto del Parco dello Sport, che stamane è stato presentato alla stampa dal vice sindaco e assessore al Verde Pubblico Antonio Blasioli, con l'assessore Laura Di Pietro che nel 2015 aveva avviato la procedura per la riacquisizione dell'area dall'Agenzia del Demanio e avviato il progetto pder realizzare un parco pubblico nei circa 8.000 metri quadri di terreno compresi fra via Rigopiano e via Passolanciano.

"Abbiamo avuto un'audizione presso la Commissione tecnica del Coni all'inizio di aprile – spiega il vice sindacoAntonio Blasioli – chiedendo di traslare sul parco delle risorse destinate comunque a degli impianti sportivi cittadini e siamo molto più che fiduciosi che così come la Commissione ha avallato le nostre argomentazioni, queste verranno ratificate a giugno con la concessione dei 150.000 euro di finanziamento da parte dei vertici del Coni. Questa possibilità nasce dalla partecipazione del Comune a un bando affidato al Coni dall'ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi per la riqualificazione di impianti sportivi posti in zone periferiche. Il Comune partecipò con diversi progetti: dalla riqualificazione degli impianti di via Conte Genuino, al completamento della palestra di Fontanelle, il Parco dello Sport all'ex Monopolio ed altri campi della città. Il Coni aveva assegnato alla città 150.000 euro per via Conte Genuino, dove l'Ente era però già intervenuto, promuovendo un project financing visto che gli impianti erano stati danneggiati da atti di vandalismo e quando sono arrivati i fondi del Coni abbiamo chiesto di poterli utilizzare sul progetto del Parco dello Sport al Monopolio. Per questo c'è stata l'audizione a Roma dove con il dirigente Tommaso Vespasiano e il responsabile degli impianti Angelo Giuliante abbiamo proposto un'interpretazione della Finanziaria che autorizza lo spostamento dei fondi da un'area all'altra. Aspetteremo giugno per lo spostamento dei fondi e una volta incassato il placet del Coni, il cronoprogramma del progetto partirà.

E' un bel risultato, considerato che l'area aspetta da vent'anni di diventare il parco che a quella zona manca, un obiettivo desiderato anche da molti amministratori e politici che si sono succeduti. Con l'assessore Laura Di Pietro siamo andati molto avanti verso la realizzazione, perché lei ha inserito i fondi in Bilancio e trattato con l'Agenzia del Demanio l'acquisizione dell'area. Il progetto prevede interventi per circa 420.000 euro (150.000 dal Coni), l'area prevederà tre accessi, due carrabili per consentire la manutenzione del verde, una piazzetta a forma di cavea per circa 120 posti, un'area di sgambettamento che nascerà subito prima del parco, un campo polivalente di erba sintetica da 42m per 22, un campo di atletica attrezzato, due aree attrezzate per giochi dei bambini, illuminazione con impianto eolico. Questi 7.800 mq di verde saranno un parco attrezzato che ha anche funzione didattica ed educativa e consentirà alle scuole che sono nel circondario di fare attivitàmotoria. Novità anche per le specie arboree, pianteremo alberi che assorbono CO2 e per un impianto di video sorveglianza, ma contiamo sul fatto che quando verrà ultimata l'adiacente caserma dei Carabinieri, diventi il parco più sicuro della città.

Per quanto riguarda i tempi: definiti i fondi a giugno, partiranno le procedure di appalto per attivare entro il primo gennaio all'inizio dei lavori che saranno completati in un anno".

"E' un progetto che ci sta molto a cuore e che sta a cuore a chiunque abiti ai Colli – aggiunge l'assessore Laura Di Pietro- perché il quartiere ha diverse aree verdi ma non veri e propri parchi come altre zone cittadine. Recuperarlo è stato doveroso, abbiamo iniziato nel 2015 con un'interlocuzione col Demanio che ci ha riconsegnato l'area totalmente. Nel marzo scorso abbiamo anche fatto un'iniziativa per ripulirla perché la città si rendesse conto di cosa stava accadendo, ovvero che si strava riappropriando di un'area verde così grande. Infatti l'obiettivo è quello di lasciarlo aperto al pubblico, anche per gli impianti sportivi, un esempio virtuoso è quello della Caserma Di Cocco e speriamo di replicarlo qui: lì vige un accordo tacito fra tutti i frequentatori dei campi, che è un bell'esempio di autogestione perché non si verificano atti vandalici, sarebbe bello se fosse nelle mani di chi lo usa e non affidato a una gestione di esterni".

Ufficio stampa Comune di Pescara

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK