Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Possibile lo smantellamento del CIR di Tocco da Casauria

Le preoccupazioni del sindaco Lattanzio che scrive al vicepresidente

Condividi su:

Continua a preoccupare la situazione in cui versa la Cir di Tocco da Casauria, la Compagnia Italiana Rimorchi e semirimorchi, con sede in contrada Ceppeto, che si trova da alcuni anni in grande difficoltà e per la quale si profila un possibile smantellamento.

Nonostante la cessione di un ramo d’azienda al gruppo metalmeccanico polacco Wielton e con l’ingresso del quale si era sperato che la situazione potesse volgere al meglio per i tanti lavoratori, prima in cassa integrazione e poi in mobilità, sono molto preoccupato per le ultime vicende che interessano lo stabilimento di contrada – ha detto il sindaco Luciano Lattanzio.

Proprio ieri, ho ricevuto in Municipio una comunicazione della Cir, datata 28 gennaio 2016, nella quale si dichiara, fra le altre cose,

«lo smantellamento mediante smontaggio degli impianti installati all’interno del capannone produzione».

Cosa significa? Ho subito interpellato il vicepresidente della Giunta Regionale ed assessore allo Sviluppo economico Giovanni Lolli, che conosce bene le difficoltà dell’azienda nella quale sono stati impiegati fino a 180 lavoratori, per aver seguito da vicino la situazione di crisi in atto nello stabilimento, - ha aggiunto Lattanzio – chiedendogli di convocare un tavolo con i sindacati, e con chiunque riterrà opportuno, per stabilire una linea di azione comune al fine di scongiurare questa ennesima spoliazione del territorio, senza contare il pesante risvolto socio-economico che riguarda non solo la comunità di Tocco da Casauria, ma l’intera Regione.

Condividi su:

Seguici su Facebook